Ego te voto, ego te absolvo

Condividi su i tuoi canali:

Lucifero ritorna a proporre ai lettori di Bice la sua interpretazione di fatti che ci appaiono di controversa lettura. Ne risulta una visione personale e perciò di parte, ma il risultato finale ci sembra tuttavia chiaro e ben centrato

Alfano propone, la Consulta dispone

Se ne parlerà molto, e questa volta non si potrà dire che l’argomento sia gossip.

Ad essere servito in tutte le salse, in tutti i notiziari, in ogni pagina di quotidiano, c’è il Lodo Alfano, ma c’è soprattutto la sentenza della Corte Costituzionale, clamorosa non in sé, ma per il clamore  suscitato attorno ad essa, per l’attesa spasmodica, per le moltissime dichiarazioni da essa suscitate.

Quella che come elettore mi ha più colpito è la dichiarazione  del PdL che compatto ha affermato che questa sentenza, per quanto sgradita, non cambierà nulla, e la maggioranza continuerà a lavorare. E ci mancherebbe, è logico che la maggioranza debba proseguire, e con maggior lena, il suo lavoro. Come ha detto Casini, perché “non è mica il Giudizio Universale”  questa sentenza, cioè la bocciatura del Lodo Alfano.

Non vedo neppure come possa essere considerata una sconfitta per il premier, sarà tutt’al più occasione di qualche sosta in più a Milano, che non è in capo al mondo per nessuno, meno che mai per lui. 

Ma a lasciarmi addirittura senza parole, inducendomi anche a profonde meditazioni, è la circonvoluta frase con la quale, in sintesi, Berlusconi e vari  notabili del PdL  hanno detto che una sentenza simile, oltre che  essere politicizzata, di fatto va contro la volontà degli Italiani.

Va contro la volontà degli elettori italiani che hanno votato Silvio Berlusconi, che non vogliono che sia processato ma che lo vogliono solo  veder governare.

In questo ragionamento, chiaro, anche se un po’ contorto, ravvedo molte cose allarmanti.

La prima è quella che allude ad una magistratura politicizzata. E questo  è sconvolgente, sia che vada contro o che vada  a favore di chicchessia.

La seconda cosa allarmante è il potere  assolutorio attribuito al voto. Se passasse questo concetto, si potrebbe benissimo dire Ego te voto, ego te absolvo, da tutto ciò che hai fatto in passato e ovviamente  da ciò che farai in futuro, purchè tu governi, purchè tu mi liberi dai comunisti, fai quello che vuoi, stai al tuo posto e non c’è giudice che tenga, né processo, né accusa che ti possano scalzare. Sei stato votato da me, quindi sei già stato assolto,dai peccati del passato e da quelli futuri. Quindi il voto  favorevole  e l’elezione cancellano  la punibilità. Non solo per i reati d’opinione  ma anche  per i reati ordinari. E i sondaggi favorevoli al 68% impartiscono la benedizione finale.

Non rimane che un rispettoso…Amen!

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa