Educazione Civica, questa sconosciuta

Condividi su i tuoi canali:

Coloro i quali si lamentano per un Presidente del Consiglio ""non eletto dal popolo""  dovrebbero fare un ripassino di Educazione Civica e conservare la loro indignazione per altro. Ad esempio, per un intero Parlamento di nominati.

Le notizie di cronaca portano, inevitabilmente, alla nascita dei cosiddetti tormentoni… ora, dopo l’avvicendamento tra Letta e Renzi, per la verità abbastanza brusco e doloroso per l’ormai ex Presidente del Consiglio,  la frase ricorrente, fino alla nausea, è quella che  indica il Segretario del PD e Sindaco di Firenze,  come “terzo Presidente del Consiglio” non eletto dal popolo. Ora, io posso capire  (fino ad un certo punto, questa è Educazione Civica materia  di quinta elementare, prima media) …dicevo  posso capire se a dire questa  sciocchezza è un cittadino qualsiasi. Ma che a dirlo siano i politici stessi, e i giornalisti, i giornalisti politici che dovrebbero  essere fonte di informazione veritiera, mi indispone sommamente. L’art. 92 della Costituzione  prevede che il capo dello Stato  dia l’incarico di Presidente del Consiglio,  non necessariamente un uomo politico, può essere scelto fra personalità di spicco della nazione, senza che abbiano mai ricevuto un solo voto dagli elettori. E’ già accaduto, con Amato, con Dini, con Ciampi…nessuno   era un parlamentare,  Ciampi è persino diventato Presidente della Repubblica .

Sono  strumentali, le lamentazioni dei partiti politici che  abbaiano alla luna, lamentando che Renzi non ha il consenso popolare… e si scandalizzano.

Pertanto i politici e i giornalisti dovrebbero fare un ripassino di Educazione Civivca e conservare la loro indignazione per altro.

Perché non si indignano per un intero Parlamento, di non eletti! Questo è uno scempio, che siedano in parlamento, a rappresentare i cittadini, personaggi che i cittadini non hanno mai votato. Siedono, diciamo “per grazia ricevuta”  su quei prestigiosi scranni, perché  sono simpatici, utili, al capo del partito nel quale militano e che li ha nominati, come un tempo si investivano i cavalieri e li ha piazzati in liste fisse, nell’assoluta certezza della vittoria , grazie alla legge elettorale  porcellum che più porcellum non si può. Ora, da queste investiture, di cavalieri (e dame) discende buona parte dei pressappochismo, clientelismo, servilismo e di ogni  altro “ismo”  endemico nella nostra politica. Di questo, si devono scandalizzare  i giornalisti e i cittadini, di questo si devono indignare, da questo si devono sentire ingannati e traditi… dal non essere degnamente rappresentatim perché i politici sono dei “dipendenti” di questo o di quel capo partito e come tali, vigliaccamente, si  comportano, ansiosi di mantenere il lro privilegato posto al sole, compiacciono e adulano il “capo” che difendono e blandiscono, che proteggono  contro ogni logica. Prima ho parlato di “dipendenti” … ma riconosco che non è un paragone calzante. Un dipendente, o una dipendente non accettano sempre e comunque i diktat e le prepotenze del datore di lavoro. La dignità  in certi casi ha il sopravvento…
I politici che al “capo” devono tutto… mai lo contraddiranno, mai rinunceranno a quella tranquilla sistemazione, se non per una sistemazione migliore,  con il fenomeno della transumanza, profumatamente pagata, da un partito all’altro.

La cronaca ne è piena.

Questo, dovrebbe indignare.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...