ECONOMIA. BARCAIUOLO: DATI ISTAT CONFERMANO BUON OPERATO GOVERNO

Condividi su i tuoi canali:

Roma, 28 apr. – “Nel primo trimestre del 2023 si stima che il prodotto interno lordo sia aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e cresciuto dell’1,8% in termini tendenziali. Le fonti sono quelle più ufficiali: lo ha infatti comunicato l’Istat, diffondendo la stima preliminare del Pil nei primi tre mesi dell’anno. Buone notizie sul versante italiano quando dal resto d’Europa arrivano indicazioni diverse: si ferma la Germania, cresce, ma solo leggermente la Francia. Sotto l’attese l’Eurozona”. Così Michele BARCAIUOLO, capogruppo in Commissione Esteri e Difesa di Fratelli d’Italia. “Tra le grandi economie – aggiunge -i risultati migliori rispetto alle attese sono soprattutto quelli dell’Italia, con una crescita dello 0,5%. Sono delle novità incoraggianti, che mostrano una resilienza dell’economia italiana in un contesto globale sfidante, che si accompagnano alla crescita sia del comparto industriale, sia di quello dei servizi. Dopotutto la Presidente Meloni lo aveva annunciato durante il discorso di insediamento alle Camere: “L’Italia deve tornare ad avere una politica industriale, puntando su quei settori nei quali può contare su un vantaggio competitivo”. “Ed il merito va dato, in primis – spiega BARCAIUOLO – ai nostri imprenditori: in Italia serve una rivoluzione culturale nel rapporto tra Stato e sistema produttivo, che deve essere paritetico e di reciproca fiducia. Chi oggi ha la forza e la volontà di fare impresa in Italia va sostenuto e agevolato, perché la ricchezza la creano le aziende con i loro lavoratori, non lo Stato con decreti. Lo Stato deve essere parte dell’ingranaggio, e il Governo Meloni da 6 mesi lavora in quel senso”. “I dati pubblicati negli ultimi giorni dall’Istat sono inequivocabili: ad aprile aumenta la fiducia di consumatori e imprese. Si tratta del valore più elevato, per quanto concerne la fiducia delle aziende, negli ultimi 10 mesi, mentre quello dei consumatori ritorna su livelli che non si vedevano da marzo 2022. A questi segnali positivi si aggiungono recenti indicatori: il Pil cresce e il debito della pubblica amministrazione scende, lo Spread è calato dall’inizio del governo Meloni e la borsa ha registrato importanti aumenti, infine Bankitalia ha stimato che l’Italia è destinata a crescere ancora fino al 2025. Chi profetizzava sventure in caso di vittoria del centrodestra, dovrebbe avere oggi la decenza di chiedere scusa”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo