E scese il buio…

Condividi su i tuoi canali:

""Si avvicina il carnevale e con gli scherzi si “esterna” anche il proprio malumore in modo “simpatico”. Valutazioni personali di notizie modenesi art. di C.V.
 
Notizia del 28 gennaio è che il signor Carlo Ventura, in arte Sgorghiguelo, una delle maschere modenesi della famiglia Pavironica (1), ha esternato il proprio parere (2) al di fuori dello spettacolo del carnevale quando per il giovedì grasso si può assistere allo sproloquio che avviene sul balcone del palazzo comunale.
 
I fatti. Il Comune di Modena sta allargando il perimetro entro il quale il parcheggio delle autovetture è a pagamento: le famose strisce blu.
 
In alcune zone se non vi fossero le strisce (anzi se non vi fossero proprio gli accessi da fuori) sarebbe solo un bene per i residenti e per la città tutta; per i residenti perchè spesso faticano a trovare un parcheggio, per la città perché si ridurrebbe assai il traffico che rende veramente pesante l’inquinamento.
 
In fondo il provvedimento antismog con relativo “blocco del traffico” si è visto che non è servito a molto già negli scorsi anni e anche in questo periodo risulta inutile, se non per elevare contravvenzioni a poveri disgraziati che non possono fare a meno di andare a lavorare e non possono permettersi di cambiare mezzo di trasporto per innumerevoli motivi. Così come l’ampliamento della zona con il parcheggio a pagamento (strisce blu) viene recepito come un provvedimento  per fare cassa e non a favore di un progetto di vivibilità urbana.
 
Nell’articolo del quotidiano riportato nelle annotazioni il signor Ventura e un altro signore che ha un bar in Viale Crispi raccontano dei disagi che si vivono nella zona. Ormai tristemente noti da anni questi disagi continuano ad essere ignorati dall’amministrazione e da buona parte delle istituzioni.
 
I comitati di ogni tipo e  i gruppi cittadini che per anni hanno lottato e continuano  a lottare per veder riconosciuto il diritto una vita serena e sicura stanno decadendo, lasciando campo ad un senso di spossatezza e di rassegnazione? Non si sa. Da mesi imperversano sui quotidiani le botte e risposta tra l’Amministrazione e Modena Attiva.
 
Il parere di tanti miei contatti è che Modena Attiva altro non è che lo specchietto per le allodole ante elezioni, per altri è una voglia di rinnovamento interno al PD. Solo il tempo ci dirà chi aveva ragione.
 
Ma torniamo ai parcheggi e a Carlo Ventura.
 
Il titolo di questo mio intervento nasce dal fatto che se gli sproloqui iniziano già prima del carnevale, Signore e Signori, il buio sta scendendo, abbiamo davvero toccato il fondo e la pazienza è terminata.
 
Il signor Carlo Ventura in modo garbato e civile ha messo in piazza tutti i punti che da anni sono il tallone d’Achille della zona. Non ha detto nulla di nuovo, ha ribadito concetti già riportati anche sulle pagine di Bice negli scorsi anni da tanti autori e rimarcato anche da illustri commentatori. Ma il fatto che sia venuto da due signori non portavoce di gruppi, di comitati o di movimenti di varia natura, se non essere portavoce della propria dignità, fa scendere il buio sulla scena dei ruoli avuti sino ad oggi dalle parti in campo politico e civile.
 
E che nuova luce sia!
 
C.V.
 (Riproduzione riservata)

 

1  http://www.sandrone.net/sandrone/la-famiglia-pavironica.html

2  http://gazzettadimodena.gelocal.it/cronaca/2012/01/28/news/nuovo-sos-da-viale-crispi-salvate- questa-strada-1.3114061

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...