…e pensare che è un’ università !

Condividi su i tuoi canali:

Come si fa a governare una università, santuario del sapere, e mescolare Dostoevskij con la situazione attuale, ritenendo opportuno sospendere il corso per evitare ogni forma di polemica.

 


La vicenda del corso dello scrittore Paolo Nori su Dostoevskij’, bloccata dal prorettore e dalla rettrice dell’Università Bicocca di Milano, è partita dal ridicolo per concludersi nel grottesco.

Come si fa a governare una università, santuario del sapere, e mescolare lo scrittore russo con la situazione attuale, ritenendo opportuno sospendere il corso per evitare ogni forma di polemica.

Ma i passi successivi sono risultati ancora più assurdi, tanto da farmi domandare se davvero rettrice e prorettore siano adeguati al ruolo.

Le reazioni feroci hanno convinto l’università a fare un passo indietro, per cui avanti con il corso… affiancando a Dostoevskij degli autori ucraini.

Paolo Nori manda educatamente al diavolo tanta scemenza: “Non condivido questa idea che se parli di un autore russo devi parlare anche di un autore ucraino, ma ognuno ha le proprie idee. Se la pensano così, fanno bene. Io purtroppo non conosco autori ucraini, per cui li libero dall’impegno”.

Davvero rettrice e prorettore sono degni di ricoprire quel posto?

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Leva obbligatoria

La politica italiana gioca ai soldatini senza nemmeno sapere le regole del gioco. La politica italiana conferma la sua impreparazione sui temi militari e questa

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una