È nato un nuovo soggetto politico

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Adottata a larghissima maggioranza,la mozione generale del IV Congresso di Radicali Italiani(soggetto costituente del Partito Radicale transnazionale),tenutosi a Riccione dal 29 ottobre/1 novembre,fa proprio l’obbiettivo del rilancio del Partito Radicale per costituire entro il 15 dicembre per la prima volta il Consiglio Generale del Partito,dopo gli obiettivi storici della mozione del Congresso di Tirana.Il Congresso saluta l’avvenuta costituzione da parte di Radicali Italiani,Associazione Luca Coscioni,SDI e Federazione dei giovani socialisti del nuovo soggetto politico,ispirato a Blair,Fortuna e Zapatero,soggetto che reca il simbolo della rosa nel pugno.          
Elementi centrali della campagna elettorale e della successiva attività parlamentare degli eventuali eletti della Rosa nel pugno:pacs,antiproibizionismo sulle droghe,abolizione degli ordini professionali e libertà di mercato.Da subito,Radicali Italiani si impegna per ottenere già in questa legislatura un provvedimento di amnistia.Un impegno della “”Rosa nel pugno””è quello del superamento del Concordato tra Stato Vaticano e Repubblica italiana.I Radicali Italiani sono impegnati anche a Modena , con i compagni socialisti dello SDI del Nuovo PSI di Bobo Craxi,nella costruzione””territoriale “”della Rosa nel pugno, sulle libertà civili e religiose sicuramente ci saranno da parte dei gruppi di maggioranza problemi per i compagni socialisti.Dall’Udeur alla Margherita (cattolici papalini),arriveranno accuse di blasfemia e chissà ancora cosa.Non ultime le posizioni del Vescovo di Modena sulle libertà religiose ,e sulla sperimentazione della pillola del giorno dopo; la RU486.           
La “”Rosa nel pugno””,anche a Modena  continuerà la battaglia in difesa dei Diritti civili avviata con la campagna referendaria sulla Libertà di ricerca scientifica.    
 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo