E’ DELLA PROVINCIA DI ROVIGO L’ARTISTA AUTORE DEL MANIFESTO 2018 DEL FESTIVAL DELLA FIABA DI MODENA

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

E’ Paolo Franzoso, originario di Adria, in provincia di Rovigo, l’artista scelto per realizzare la locandina della quinta edizione del Festival della Fiaba, la manifestazione pensata per un pubblico adulto che si svolgerà dal 7 al 17 giugno a Modena. Sabato 28 aprile, nella splendida cornice del Complesso San Paolo nel centro storico della città geminiana, che sarà la nuova location della manifestazione, viene presentato in anteprima il manifesto, alla presenza dell’artista che l’ha realizzato. Appuntamento a partire dalle ore 18.30 nel Cortile del Leccio, quando ai primi dieci partecipanti verrà data in omaggio una copia del manifesto autografata dall’ideatore

E’ Paolo Franzoso, artista originario di Adria, in provincia di Rovigo e diplomato a Bologna in Arti Visive e in computer grafica a indirizzo pubblicitario, l’artista selezionato per realizzare il manifesto della quinta edizione del Festival della Fiaba, la manifestazione unica sul territorio nazionale perché rivolta a un pubblico adulto che si svolgerà dal 7 al 17 giugno a Modena. Sabato 28 aprilenel suggestivo Cortile del Leccio nel centro storico di Modena che quest’anno sarà, con tutto il Complesso San Paolo, la nuova location del Festival, viene presentata in anteprima la locandina, dedicata alla ?Volontà?, tema della quinta edizione della manifestazione. Appuntamento a partire dalle ore 18.30 quandoFranzoso – insieme a Nicoletta Giberti, direttriceartistica della manifestazione – spiegherà come è nata l’immaginesimbolo dell’appuntamento per l’edizione 2018. Ad accompagnarli anche l’esperto d’arte Marco Bertoli, da quest’anno responsabile della sezione Arti Visive del Festival, che curerà una personale di Franzoso nell’ambito della manifestazione.

Per l’occasione ai primi dieci partecipanti verrà data in omaggio una copia del manifesto stampata in alta definizione, in tiratura limitata e numerata, autografata dall’ideatore. Seguirà un piccolo aperitivo a cura della cucina del Filatoio, il circolo culturale sede del Festival, perché anche il gusto ha un ruolo chiave all’interno di ogni ?Briciola? che porta al Festival della Fiaba.

Franzoso miscela varie tecniche artistiche dando vita a combinazioni creative caleidoscopiche in cui disegni, collage, pensieri, riflessioni e idee ipnotizzano lo spettatoreemergendo da piccoli dettagli. Molte sue opere sono realizzate attraverso una sorta di collage con stratificazioni sovrapposte a spessi strati di colore e resina, che accentuano l’idea di tridimensionalità delle composizioni in modo peculiare e sempre diverso. La sua sperimentazione pittorica si traduce anche in annotazioni scritte, che suscitano un senso di condivisione immediata da parte dell’osservatore. Ha esposto in varie gallerie italiane vincendo il primo premio in diversi concorsi come il ?Franco Boschetti? a Torano (Carrara) nel 2014 e il Concorso nazionale di pittura di Via Ruzzina ad Adria (Ro). Di recente ha preso parte ad Artrooms Roma, trasformando in atelier una stanza del The Church Palace.

 

Il Festival della Fiaba nasce da un progetto di Nicoletta Giberti che da anni indaga attraverso linguaggi eterogenei il genere ?Fiaba? con uno sguardo ampio e profondo: la quinta edizione, dedicata alla ?Volontà?, sarà dal 7 al 17 giugno nel Complesso San Paolo a Modena.
 

Per maggiori informazioni:

340 3191825

www.festivaldellafiaba.com

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un