Doppio prezzo contro il caro prezzi,

Condividi su i tuoi canali:

None

Risposta a Tamara Bretoni Confesercenti.

 

Ai consumatori non interessa avere un’idea esatta di tutti i passaggi. Ai consumatori interessa che i prezzi non aumentino giorno dopo giorno dovendo fare i conti con il proprio portafoglio sempre più vuoto.

Sappiamo benissimo che “tutti i passaggi “ servono anche da alibi per giustificare ogni aumento.

Il CODACONS non chiede nulla di più che permettere ai cittadini che vanno a fare la spesa di vedere quel prodotto che stanno acquistando quanto è costato a quel negoziante. Dire che non è possibile è la classica strategia per fare confusione, strategia all’interno della quale si può giustificare ogni aumento.

Proprio in queste ore, controllando i prezzi di gennaio degli stessi prodotti controllati in dicembre, abbiamo scoperto che in un centro commerciale la confezione di pasta che in dicembre costava € 1,19 ora costa € 1,34: quindici centesimi di aumento in pochi giorni.

Con il doppio prezzo potremmo sapere se è il negozio che ha aumentato il prezzo o colui che lo ha venduto al negozio stesso. E se anche i negozianti potessero pretendere lo stesso doppio prezzo dai propri fornitori, e così via fino ad arrivare al primo anello della catena, ecco che sarebbero finiti i facili giochetti tipo «non sono io che aumento i prezzi o i miei associati, bensì quelli che vengono prima».

 

CODACONS

v. Presidente Regionale

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione