Donne arrifatevi vive….questa settimana conosciamo Letizia

Condividi su i tuoi canali:

Continua l’incontro con le gentili sconosciute use a commentare su Bice coperte da pseudonimo. Una intervista questa che conferma molte maschili certezze : il mondo femminile è composto anche da enigmatiche figure

 

Gentile Signora  della quale noi della redazione nulla conosciamo, ci spiega chi è Letizia? Sposata, single. Bionda o mora, grassa o magra?

 

Sono stata sposata, ho i capelli scuri lunghi, sono proporzionata, rispetto ai miei  cm.1,75 di altezza, 100-70-100, segno zodiacale “vergine”

 

Nella vita di cosa si occupa?

 

Sono una professionista. Sono avvocato tra i millecinquecento presenti a Modena

 

Lei ha scelto di confrontarsi con i frequentatori di Bice firmandosi con uno pseudonimo: Perché ha scelto questo nick name?

 

La professione mi costringe ad essere sempre in contesa. Lascio spazio con letizia all’altra parte più femminile di me.

 

Mentre la scelta di farsi scudo con uno pseudonimo da cosa è stato determinata?

 

Essendo impegnata in un settore con delle regole da rispettare lo pseudonimo mi pare un  aquilone che volteggia sopra la nostra testa al quale affidare anche scomode cartoline da recapitare a chi tocca.

 

Tra i vari commentatori quale è quello che maggiormente apprezza?

 

Non voglio salire in cattedra, ci sono ovviamente commentatori che apprezzo e altri che non mi coinvolgono. Tuttavia non mi sento di stilare una classifica

 

Al contrario quello che le procura l’orticaria ogni qual volta lo legge?

 

Chi usa parole volgari, e chi scrive un po’ troppo, chi si ritiene depositario della verità, chi ha certi atteggiamenti di quasi paternalismo verso le donne…Ma non parliamo di orticaria, la mia non è un’allergia…Per proseguire con la metafora medica, diciamo che è appena una lieve intolleranza.

 

I quotidiani italiani da lei preferiti li reputa più a rimorchio delle sue simpatie politiche (quindi scrivono quello che lei si aspetta di leggere) o al contrario sono più impegnati a tentare di condizionarla od orientarla (perciò scrivono iniettando dubbi o a volta non in sintonia o in contrasto con il suo personale modo di sentire).

 

Mi piace mettermi in competizione con i grandi sedicenti, o supposti tali, editorialisti. Qualche volta sono convincenti, gli stessi, altre volte, risultano indigesti. Di sicuro non sarei capace di convincere, con le mie argomentazioni, ma il più delle volte, anche loro nei miei confronti ottengono lo stesso risultato.

 

 

C’è un argomento a Lei particolarmente caro che vorrebbe dibattere su Bice e che secondo Lei appassionerebbe il forum dei lettori?

 

Nonostante nel lavoro ci viene sempre più richiesta una speciallizzazzione,nella persona apprezzo molto il suo argomentare a 360°

In fondo si
amo un popolo di Santi , Eroi, esporatori, trasmigratori …Affascinanti i Michelngelo e i Leonardo che erano ingegneri, architetti, poeti, pittori.

Mi immagino una cena con loro.Quindi apprezzo un forum ricco articolato e se possibile comprendere come a Dante sia venuto in mente di scrivere un poema così lungo

 

Secondo lei questo tema …… incontrerebbe un piacevole interesse tra le donne e gli uomini modenesi tanto da indurli ad intervenire con più frequenza?

 

Mi piacerebbe sapere se è vero che la società civile è migliore della sua classe dirigente. Quanti mancati assessori, sindaci, onorevoli, ognuno con le sue competenze, passeggiano per le strade di Modena, che non conosciamo, ma che mi piacerebbe incrociare sul forum di Bice.

 

Ai noi redattori, cosa suggerirebbe per rendere Bice più accattivante di quanto già non lo sia

 

Dico la verità, non ho sempre tempo di scorrere Bice in lungo e in largo tanto da consentirmi di cogliere tutte le provocazioni e gli stimoli che ogni settimana ci viene proposto dai redattori. A volte noto interviste con domande argute e risposte inqualificabili; basterebbe questo per scrivere pagine e pagine. Cosa si deve pretendere di più?

 

 

 

 

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria