Domenica e lunedì si vota.

Condividi su i tuoi canali:

Sedici sono i candidati premier in corsa per Palazzo Chigi. Bice li propone alla vostra attenzione in ordine sparso con alcuni loro tratti caratteristici.

Nonostante  l’art. 14bis della legge elettorale, modificata dalla legge 205 del 2005, stabilisca che, al comma 3, che “”contestualmente al deposito del contrassegno…i partiti o i gruppi politici organizzati che si candidano a governare depositano il programma elettorale nel quale dichiarano il nome e cognome della persona da loro indicata come capo della forza politica””.nella sostanza  Il sistema elettorale  non sancisce che i cittadini votino per il presidente del consiglio.

Questa è una scelta che è ancora prerogativa esclusiva del Capo dello Stato.

Infatti, lo stesso comma conclude: “”Restano ferme le prerogative spettanti al Presidente della Repubblica previste dall’articolo 92, secondo comma, della Costituzione””.

Questo vorrei e non vorrei , questa riforma elettorale che sogna un sistema e ne adotta un altro, questo modo italiota di modernizzare gli strumenti della politica “entrando  facendo finta di uscire” favorisce la crescita confusionale di cui è vittima il nostro sistema democratico che ogni partito ha qualche buon interesse per non modificarlo

Intanto sono  16 i candidati-premier in corsa per palazzo Chigi .

Li proponiamo alla vostra attenzione con alcuni tratti salienti

I 16 candidati-premier in corsa per palazzo Chigi sono

Silvio Berlusconi (Pdl-Lega), (Milano, 29 settembre 1936)

imprenditore, fondatore e proprietario della società multimediale Fininvest (oggi Mediaset), fondatore e presidente del movimento politico Forza Italia nonché presidente del club calcistico A.C. Milan. È conosciuto anche come Il Cavaliere in ragione dell’onorificenza conferitagli di cavaliere del Lavoro. Siede alla Camera dei Deputati dal 1994, anno della sua prima elezione. Ha tenuto tre mandati di presidente del Consiglio, il primo nella XII legislatura (1994) e gli altri due, consecutivi, nella XIV (2001/2005 e 2005/2006), ricoprendo in tale occasione anche gli incarichi ad interim di ministro degli Esteri, dell’Economia, della Salute e della Funzione Pubblica.  

Walter Veltroni (Pd-Idv),  (Roma, 3 luglio 1955)

Segretario nazionale del Partito Democratico e capo unico della coalizione PD-Italia dei Valori per le elezioni politiche del 2008. È stato sindaco di Roma: eletto una prima volta nel 2001 e riconfermato nelle elezioni comunali del 2006 con il 61,8% dei voti, si è dimesso il 13 febbraio 2008 per candidarsi alle elezioni politiche dell’aprile successivo. Dal 14 ottobre 2007 è segretario politico nazionale del Partito Democratico, eletto con le elezioni primarie dal 76% dei votanti.

Fausto Bertinotti (Sinistra Arcobaleno), (Milano, 22 marzo 1940)

Presidente della Camera dei deputati dal 29 aprile 2006, già segretario del Partito della Rifondazione Comunista dal 1994 fino all’elezione al massimo scranno di Montecitorio.È stato sindacalista di sinistra (CGIL), socialista lombardiano avvicinatosi poi al comunismo, sostenitore del pacifismo e dei movimenti anti-globalizzazione.

Enrico Boselli (Partito Socialista), (Bologna, 7 gennaio 1957)

È segretario e leader nazionale dei Socialisti Democratici Italiani (SDI) sin dall’atto di costituzione del partito, avvenuto il 10 maggio 1998. In vista delle elezioni politiche 2008 sarà candidato premier per il Partito Socialista

Pier Ferdinando Casini (Udc-Rosa Bianca),( Bologna, 3 dicembre 1955)

È stato Presidente della Camera dei deputati nella XIV Legislatura. Attualmente è il leader dell’UDC, pur non ricoprendo la cari ca di segretario del partito. Riveste anche il ruolo di Presidente dell’Unione Interparlamentare e di presidente dell’Internazionale Democristiana.

Daniela Santanché (La Destra-Fiamma) Daniela Garnero coniugata Santanchè (Cuneo, 7 aprile 1961)

Imprenditrice italiana, capo della coalizione (di fatto candidato premier) del cartello elettorale La Destra-Fiamma Tricolore),

Giuliano Ferrara (Aborto?No,Grazie) (Roma, 7 gennaio 1952)

Giornalista, conduttore televisivo e politico italiano. Dopo esperienze politiche nel PCI e nel PSI, ora è sostenitore del centro-destra.

Stefano De Luca  (pli)

È l’attuale segretario nazionale del Partito Liberale Italiano. Nel 2004, viene lanciata una “”Costituente Liberale””, che riag
greghi le varie forze politiche nate dalla diaspora liberale. Dal processo costituente, rinascerà il Partito Liberale Italiano – PLI, cui sarà affiancata la dicitura “”Casa dei Laici””. De Luca ne è eletto segretario nazionale. Alle Elezioni Politiche del 2008, il PLI si presenta autonomamente con proprie liste in tutta Italia, e De Luca è il candidato premier

Marco Ferrando (Partito comunista dei lavoratori),

Flavia D’Angeli (Sinistra critica),

Roberto Fiore (Forza Nuova),

Bruno De Vita, candidato premier dell’Unione democratica per i consumatori (il movimento che fa capo a Willer Bordon e Roberto Manzione),

Fabiana Stefanoni per Alternativa comunista (Pdac),

Stefano Montanari (Per il bene Comune),

 

 

 

 

Renzo Rabellino (Lista Grilli Parlanti),

Luigi Ferrante (Il Loto),

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Libri di Storia fatti di pietra

Servizio fotografico di Corrado Corradi ^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^Nella giornata di sabato 1° ottobre 2022, in strada Canaletto Sud, angolo via Finzi, c’è stata la cerimonia di inaugurazione