Dobbiamo accarezzare il piccolo neutrone?

Condividi su i tuoi canali:

Nella sala del Planetario piena in ogni ordine di posti si è concretamente parlato di energia. Una serata con un sicuro vincitore: il desiderio del pubblico di volere approfondire il problema.

La serata organizzata dalla Consulta Ambiente del Comune di Modena  e il giornale on -line DABICESIDICE, dal titolo: “”Prospettive Energetiche, pareri a confronto”” è stata una notevole occasione di partecipazione dei cittadini che hanno riempito completamente la sala del Planetario. Si confrontavano il prof. Balzani dell’Università di Bologna ed il prof. Battaglia dell’Università si Modena e Regio Emilia su un argomento che è all’ordine del giorno ed interessa tutti. Il dibattito è stato vivace ed approfondito e nello spazio delle domande ed interventi del pubblico, oltre a quesiti molto pertinenti che concludevano un ragionamento tecnico si sono sfiorati picchi di comicità surreale che sembravano provenire direttamente da Zelig. Un esempio per tutti: l’invito ad accarezzare il piccolo neutrone che si sente un pò maltrattato…     Personalmente ho la convinzione che il problema di cosa fare delle scorie nucleari sia ancora irrisolto e che i “”tappeti”” dove sotto si possa nasconderle siano in esaurimento e/o inidonei.

La prospettiva delineata dal prof. Balzani di ampie praterie anzi tetti da sfruttare per il fotovoltaico e la ricerca continua in quel settore ma, soprattutto la spiegazione che una parte del costo dei pannelli fotovoltaici e del costo dell’energia prodotta con essi verrà compensata da una diminuzione del costo sanitario dovuto al calo delle malattie croniche respiratorie e anche al calo di quelle più gravi, in quanto l’aria che respireranno le generazioni future conterrà meno agenti inquinanti prodotti da alcuni dei metodi attuali di produzione di energia elettrica (carbone “”pulito””, petrolio, incenerimento dei rifiuti etc..), ha rafforzato la mia convinzione che lo Stato e gli altri enti pubblici debbano incentivare seriamente la messa in opera da parte dei cittadini e delle imprese degli impianti fotovoltaici.

Il Prof. Battaglia con passione e dati, ha sostenuto la tesi dei costi-benefici portati dal nucleare . Il futuro quale sarà?

La richiesta di energia è in continua crescita , nucleare o fonti rinnovabili ?

La Consulta promuoverà altri confronti – dibattiti sulle fonti energetiche , sulla tutela degli animali e la tutela della città storica e artistica. Il prossimo incontro si terrà il 7 Marzo alle ore 20.30 presso l’Auditorium Marco Biagi , Facoltà di Economia e Commercio in via Berengario a Modena . FACCIA A FACCIA con il Presidente dell’Ordine dei Medici di Modena Dott .Nicolino D’Autilia e l’Assessore all’Ambiente del Comune di Modena Dott. Giovanni Franco Orlando e il Prof. Antonino Forabosco docente di Genetica Medica  all’ ‘Università di Modena e Reggio Emilia

  

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo