“”Diffido dell’arte che costa poco””

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Nell’ambito del festival della poesia che si svolge a Castelvetro di Modena, Philippe Daverio venerdi 24 settembre alle ore 17/30 terrà una conferenza al Castello di Levizzano che si trova  2 km sopra a Castelvetro. La conferenza, organizzata dai comuni dell’unione Terre di Castelli, in collaborazione con l’ Adac di Modena, ha per tema: “”Diffido dell’arte che costa poco””, “”Un piccolo omaggio alla fatica””.

Alle ore 21, sempre di venerdì 24 settembre, al teatro Manzoni di Bologna  Philippe Daverio intervisterà Bach e Chopin impersonati dai pianisti Leone Magiera e Ramin Bahrami che si esibiranno con un programma di musiche dei due grandi compositori.

 

Progetto di serata

Intervista “impossibile con Bach e Chopin

con Ramin Bahrami, Leone Magiera e Philippe Daverio

 

Sul palco un pianoforte grancoda e un salottino moderno con tre poltrone. Entrano Ramin Bahrami, Leone Magiera e il famoso critico d’arte e anchorman Philippe Daverio. Sotto le telecamere della televisione è in atto una specie di “intervista impossibile” a Bach e Chopin, idealmente personificati da Bahrami e Magiera. Il primo, uno dei più apprezzati interpreti della musica di Johann Sebastian Bach alla tastiera, sollecitato, rievoca la predilezione di Bach per la musica da “tastiera” (Clavier): durante l’intervista Bahrami esegue brani dalle sue Variazioni Goldberg, dall’Arte della Fuga e dalle Suite Francesi. Interviene Leone Magiera, celebre pianista, direttore e didatta, che su questo palcoscenico impersonifica il pianista romantico per eccellenza, Fryderyk Chopin, del quale si celebrano nel 2010 i duecento anni della nascita. Chopin/Magiera confessa il suo immenso amore per la musica di Johann Sebastian: durante tutta la sua vita ogni mattina, prima di comporre la propria musica, è con Bach e con i preludi e le fughe del Clavicembalo Ben Temperato che si esercita. Si viene così a scoprire che i due musicisti sono molto legati fra di loro: amano entrambi il belcanto all’italiana, entrambi sono maestri insuperabili dell’armonia e immensi virtuosi alla tastiera. Magiera interpreta al piano brani di Chopin, fra cui la Polacca “Eroica” op. 53 e alcuni Studi op. 10 e op. 25,  fra cui “La Caduta di Varsavia” e “Le Arpe Eolie”. Bach sembra ammirare l’arte incantatoria di Chopin, ma fa sentire che anche lui è capace di far “cantare” lo strumento. Chopin-Magiera esibisce il suo proverbiale “rubato” alla tastiera, e subito Bach lo rimbecca e gli dimostra seduta stante che il “rubato” l’ha inventato lui un secolo prima… In un crescendo di battute sulla storia della musica, l’anchorman intrattiene gli spettatori. A fine serata i due grandi compositori si scambiano i ruoli per una sfida musicale: Bach-Bahrami suona una struggente Mazurca di Chopin, e Chopin-Magiera suona una vertiginosa Sarabanda di Bach…

Fatta pace fra i due grazie all’intervento dell’intervistatore, Bach-Bahrami e Chopin-Magiera si abbracciano e suonano a quattro mani una “Marcia Militare” di Schubert e una “Danza Ungherese” di Brahms.

 

Concerto organizzato con la collaborazione dell’Adac al teatro Manzoni di Bologna.

Il presidente Adac

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Cristo si è fermato a Eboli

ROSI ABOUT EBOLIPer la sua XIX edizione, il festival LA VALIGIA DELL’ATTORE presenta un breve documentario inedito su Rosi e Volonté durante la lavorazione di

Visit Castelvetro!

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Visita il Castello di Levizzano Rangone in Notturna!Venerdì 8 Luglioore 21.00Castello di Levizzano Rangone Hai mai visto un Castello di notte?