Difendiamo … “” l’ignorantità “”… (cit)

Condividi su i tuoi canali:

Questa settimana. tema conduttore di ogni discussione è il referendum, con interminabili quanto inconcludenti dissertazioni  sulla data, sulle eventuali conseguenze e ricadute polituche, in caso di vittoria del SI o del NO.

Se la settimana appena trascorsa ha avuto come tema principe “”olimpiadi si, olimpiadi no””, dopo il niet della giunta romana ai giochi 2024, la settimana entrante sarà incentrata sul referendum.

No, ancora non se ne parlerà nel merito, l’opinione pubblica non è ancora pronta, no; la discussione verterà su 27 novembre o 4 dicembre…

In caso di vittoria del no il governo dovrà dimettersi oppure potrà concludere la legislatura?

Perché entrare nel merito della questione ed occuparsi dei quesiti referendari.

Piuttosto è meglio sapere se a dicembre avremo ancora un governo, fondato su non si sa quale consenso e con non si sa quale scopo, piuttosto che spiegare per cosa saremo chiamati al voto.

Difendiamo l’ignorantitá (Cit.)

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria