Dibattito a La Terra dei Padri con Silvana de Mari

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

Il diritto alla vita nell’era della globalizzazione

Dibattito a La Terra dei Padri con Silvana de Mari

 

 

“Il diritto alla vita nell’era della globalizzazione” è il titolo della conferenza in calendario sabato 12 maggio alle 17.30 al circolo identitario modenese La Terra dei Padri. Ospite dell’evento sarà la dottoressa Silvana de Mari, scrittrice, medico e blogger italiana, politicamente vicina al Popolo della Famiglia. Saggista, scrive di fantasy, “l’unico genere letterario – dice –  che parli di lealtà, coraggio e cavalleria, di Dio e della morte”. 

Chirurgo, endoscopista e psicoterapeuta, la De Mari ha espresso posizioni critiche verso l’omosessualità e l’aborto gratuito. La saggista spiega come l’omosessualità in realtà non esista: “”la sessualità – dice – è lo strumento della biologia per creare le generazioni successive attraverso l’incontro tra gameti: a Madre natura non interessa il piacere personale””. E ancora: “”Dove non c’è incontro di gameti non c’è sessualità. Se io mi masturbo è autoerotismo non sesso. Dunque i gay sono asessuati e omoerotici. La sessualità è solo tra maschi e femmine””. 

La dottoressa de Mari sarà introdotta da Luciano Lago.

 
[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Al Dio sconosciuto

In questi  giorni, per la  prima volta credo  nella vita di tutti,  sentiamo veramente  il problema della siccità… Per quanto sia endemico, sembrava solo un

Gli italiani non votano…

Ci sono frasi che rimangono nella memoria delle persone e nella storia di un popolo. Una di queste, pare sia state detta da Vittorio Emanuele

Il salario minimo?  Davvero?

Il salario minimo verrà applicato anche agli schiavi che lavorano per tre euro l’ora, al sud e al nord, o per loro nulla cambia in

‘I dolori del giovane Giggino”

Normalmente un movimento qualunquista dura tre o quattro anni. Il M5S , che è il prototipo del qualunquismo populistico per eccellenza, è durato oltre 12