Destinazione Complesso Ex – Fonderie di Modena

Condividi su i tuoi canali:

None

 Da sostenere soluzioni che diano vitalità a quei luoghi

Creare spazi multifunzionali per lo sport ed i giovani si può, senza tradire la memoria

 

Quando si apre un dibattito sul recupero e sulla destinazione di un importante contenitore, come nel caso del complesso delle ex-fonderie si ha un’occasione stimolante per individuare soluzioni che sappiano conciliare il passato con lo sviluppo e la costruzione di un pezzo di futuro della città. Se poi a ciò si aggiunge lo straordinario valore simbolico di quel luogo, teatro di un eccidio che rappresenta per i democratici modenesi uno spartiacque importante nella costruzione della nostra società che ha dimostrato di sapere coniugare lo sviluppo economico con la solidarietà sociale e la salvaguardia dei diritti fondamentali del mondo del lavoro, si comprende l’importanza della sfida che proprio in questi giorni l’amministrazione comunale sta definendo.

Fissare la memoria, anche attraverso segni in grado di rendere riconoscibile un luogo, certamente ha una valenza che nessuno può e deve sottovalutare. Confesercenti, contestualmente, evidenzia un rischio che, come spesso avviene nel nostro paese, all’orizzonte si intravede: vale a dire la tendenza, per un retaggio culturale che ci appartiene e ci differenzia dai paesi anglosassoni, a creare un luogo da difendere, tutelare e proteggere, molto meno invece da vivere, da attraversare come spazio della collettività a disposizione di tutta la città. Ecco perché riteniamo che prospettare per quegli spazi soluzioni che rispondono anche ai bisogni della Modena del 2000 non sia un tradimento della memoria. In questo senso Confesercenti esprime apprezzamento per la proposta concreta, coraggiosa e non statica, di Ferdinando Tripi che propone il “Palapolisport” con spazio per hochey a rotelle e su ghiaccio e per il rotellismo in genere, ma anche per altri sport che faticano a trovare sedi stabili ed efficienti.

Abbinare a questi interventi una forte presenza di attività commerciali dedicate e di ristorazione e di pubblico esercizio potrebbe ulteriormente contribuire a valorizzare e a risanare un’area oggi lasciata a se stessa e ad invogliare i giovani della nostra città ad intraprendere un’attività sportiva. Particolarmente stimolante ci pare poi l’idea di mettere a disposizione della collettività una struttura aperta continuativamente dalle 16 alle 24.00.

Una riflessione finale su quanto sta avvenendo. In questi giorni ha preso il via un percorso partecipativo, termine che certamente suona bene, ma che ci lascia, almeno in parte, perplessi. A parere di Confesercenti, infatti, la politica in questi casi deve avere un primato progettuale. Possedere un’automobile molto potente senza un abile ed accorto pilota vanifica parte del potenziale. Questa valutazione naturalmente non contrasta con la necessità di lavorare per ottenere la massima partecipazione ed il consenso sulle scelte che si compiono; piuttosto porta ad un percorso che riduce il rischio che la partecipazione sia esclusivamente formale e possano invece prevalere spinte corporative. In ogni caso il fatto che si sia aperto un dibattito è positivo.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.