Denunciati due rappresentanti legali per istigazione alla disobbedienza fiscale.

Condividi su i tuoi canali:

None

“Non pagate il canone rai”

 

Le Fiamme Gialle modenesi, nei giorni scorsi, in Cavezzo (MO) e Vignola  hanno  perquisito le sedi legali dei M.A.B. (movimento autonomo di base), attivamente impegnati nell’opera di persuasione di cittadini e titolari di esercizi commerciali ad inoltrare la disdetta di pagamento del canone R.A.I., denunciando i due rappresentanti – R.O. di Cavezzo (MO) e V.I. di Vignola.

L’ispezione trae origine da un controllo sulla regolare emissione della documentazione fiscale eseguita da militari della Compagnia di Carpi ad un bar della zona, nel corso del quale veniva rilevato l’esistenza di un televisore di cui il titolare non era in grado di dimostrare il regolare pagamento del canone R.A.I..

I successivi accertamenti consentivano di accertare che il responsabile dell’esercizio commerciale aveva inoltrato una disdetta di pagamento alle sedi R.A.I. competenti avvalendosi della collaborazione di uno dei M.A.B. perquisiti.

L’attività di p.g. resasi necessaria per la palese violazione dell’art. 415 c.p. (istigazione a disobbedire alle leggi che prevede quale pena la reclusione da sei mesi a cinque anni) è stata eseguita perché si è ritenuto  fondata  la motivazione che nei luoghi perquisiti  fossero presenti prove del reato  che potevano essere cancellate o disperse.

L’intervento effettuato oltre che alla rimozione dei manifesti esposti ha portato al sequestro di vario materiale interessante dal punto di vista probatorio.

 

Il materiale sequestrato nello specifico si riferisce a manifesti  e volantini  inneggianti al  non pagamento del canone  R.A.I.  ed al non pagamento dei contributi al consorzio di bonifica della “BURANA” – Ente di diritto pubblico istituito il 22 luglio 2009 al fine di dare vita ad un unico ente di bonifica  nel comprensorio delle province di Modena – Mantova – Ferrara – Bologna e Pistoia. Fra i vari compiti attribuitigli annovera quelli di progettazione ed esecuzione di:

      interventi sulle opere pubbliche di bonifica che si rendono necessarie a seguito di eventi calamitosi;

      opere pubbliche volte alla tutela ambientale ed all’uso plurimo delle acque di interesse del comprensorio affidatagli in concessione.

 

L’approfondimento dell’attività’ ispettiva, eseguita sotto la direzione del Dott. Vito ZINCANI Procuratore Capo della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Modena ha, altresì, consentito di rilevare  che i predetti movimenti perpetravano l’attività’ criminosa anche attraverso un proprio “sito internet” (i cui accertamenti sono tuttora in corso)  in cui vi erano   pubblicazioni inneggianti  l’illegalità del canone e di altre leggi statali. 

A seguito delle  violazioni commesse , l’attività del Corpo proseguirà mediante l’acquisizione  delle dichiarazioni di coloro che hanno aderito all’illecita iniziativa, al fine di accertarne la veridicità ,relativa alla disdetta  del Canone R.A.I. che, come disposto sin dal 1938 con il R.D.L., n. 246, è dovuto da  “chiunque detiene uno o più apparecchi atti alla ricezione delle radioaudizioni ”.

 

Guardia di Finanza

Comando Provinciale Modena

 

Il Comandante Provinciale

(Col. t. SFP Alberto GIORDANO)

 

Cs

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati