Denuncia relativa a degrado, danni, atti intimidatori e delinquenza in Viale Storchi

Condividi su i tuoi canali:

None

Al Sindaco del Comune di Modena Giancarlo Muzzarelli
All’Assessore al Centro Storico Andrea Bosi 
Alla vice comandante della Polizia Municipale Patrizia Gambarini 

Oggi mi sono recata nei miei locali di Viale Storchi al 118/120 e ho avuto l’amara sorpresa di non potere accedere ai miei locali perché tutte le serrature di accesso delle serrande, dei cancelli, delle inferriate e delle porte erano state bloccate e riempite con un collante che impediva di utilizzare le chiavi e di aprire le serrature. 

Considero questo non solo un atto vandalico, ma un danno considerevole, visto che non ho potuto accedere ai miei locali per fare le attività che avevo programmato e un vero e proprio atto intimidatorio che mira a danneggiarmi e impaurirmi per fare cessare le denunce che faccio da mesi, relative al degrado intollerabile di questa zona della città. Tra l’altro per accedere alle serrature interne c’è stata violazione di proprietà privata, oltre che danni alla personale proprietà. Da tempo denuncio alle autorità di pubblica sicurezza e le rappresentanze politiche della città, la situazione di degrado di Viale Storchi che diventa a turno culla di ubriaconi, di finti mendicanti che perseguitano la gente che passa di Room come denunciato a più riprese nel recente passato di spacciatori che nascondono “”la roba lungo le siepi e nelle cabine telefoniche, di writers che continuano ad insozzare i muri, le cabine di hera e qualsiasi altro oggetto pubblico, cloaca a cielo aperto per centinaia di cani che lasciano la cacca nelle aiuole e vengono guidati a fare la pipì sotto i terrazzino, davanti alle porte, sulle soglie dei negozi, persino vicino alla frutta e alle vedute esposte.

Per quello che mi riguarda sono presa di mira dai delinquenti e dagli incivili  con questi e mille altri atti vandalici proprio perché debbo accollarmi l’onere della denuncia e dello spendermi in prima persona visto che l’amministrazione è latente e inadempiente rispetto agli appropriati interventi per riportare un vivere civile in questa zona della città.

 

Chiedo pertanto all’amministrazione comunale che si proceda ad identificare questa zona come zona bisognosa di un intervento speciale e che si provveda a programmare la collocazione di telecamere che fungano da testimonianza e da deterrente rispetto alla delinquenza, all’inciviltà e al mal costume, invece di lasciare che i cittadini come me debbano assumersi l’onere di ostacolare la degenerazione e la delinquenza, per essere poi vittime della stessa.

Richiedo un incontro d’urgenza con L’assessore al Centro Storico e con il Sindaco per approfondire tale situazione e trovare efficaci forme di repressione che impediscano che tali atti si ripetano e che la situazione complessiva resti nell’incuria e nel degrado.

Cordiali saluti 

 

Francesca Pellegrini

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati