Dentro le Note – Incontri Musicali all’Università

Condividi su i tuoi canali:

None

DENTRO LE NOTE

INCONTRI MUSICALI ALL’UNIVERSITÀ

Jamal Ouassini Trio

 

Facoltà di Lettere e Filosofia

mercoledì 24 marzo ore 18

 

Ad inaugurare la rassegna Dentro le note, realizzata dalla Fondazione Teatro Comunale di Modena in collaborazione con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, sarà il Jamal Ouassini Trio mercoledì 24 marzo alle ore 18 presso la Facoltà di Lettere e Filosofia a Modena (Largo Sant’Eufemia 19). L’incontro musicale, come tutti gli altri della rassegna, è a ingresso libero.

 

Il trio, composto da Jamal Ouassini (violino e voce), Vaghelis Merkuris (liuto, saz e voce) e Omar Benlamlih (percussioni e voce) presenta il progetto Da Baghdad a Cordoba, un itinerario musicale nel repertorio classico della musica araba in tutte le sue varie declinazioni (irachena, egiziana e siro-libanese), presentato utilizzando gli strumenti tradizionali (tahmila, samai, doulab, longa) e le forme vocali tipiche di questa cultura musicale (kasida, wasla e muasciahàt).

 

La musica araba, partendo dal Medio Oriente, si è diffusa in diverse aree del mondo, e arrivando nella felice terra andalusa, durante il periodo più fiorente della civiltà araba, si è fusa con le espressioni locali: è da questa fusione che sono nate le eleganti melodie e forme della musica arabo-andalusa. Il progetto artistico fonde le proprie radici negli elementi comuni che la cultura musicale araba, cristiana ed ebraica hanno mantenuto per più di mille anni, come testimonianza dei momenti privilegiati della coesistenza, convivialità, dialogo, rispetto delle differenze e comunione del sapere. 

 

Nato a Tangeri (Marocco), Jamal Ouassini si è formato al Conservatoire de musique et de danse della sua città in musica arabo-andalusa e violino sotto la guida di Ustad Mhemmed el’Amrani, Cheikh Mohammed Zaitouni, Ustad Mohammed Berrak, e in musica classica sotto la guida del violinista Antoine Batte. In seguito è entrato a far parte dell’Orchestra Andalusa di Tangeri come violinista. Si è trasferito in Italia, a Verona, dove ha terminato gli studi e si è diplomato al Conservatorio di musica della città. Per diversi anni si è dedicato alla musica classica collaborando con numerose orchestre da camera e sinfoniche. Dal 2004 è direttore artistico di “Ziryàb”, Associazione culturale per lo studio e la promozione della musica del Mediterraneo. Con il Jamal Ouassini Trio, fondato nel 1999, ha realizzato il cd Al Kafila (La Carovana), seguito da un tour italiano e ha partecipato al Taranta Power Festival, ospite nel progetto “Che il Mediterraneo Sia” di e con Eugenio Bennato. Collabora stabilmente con Moni Ovadia nello spettacolo Shir del essalem (Canti per la pace). Nel 2006 ha fondato l’ensemble Encuentros, che vede insieme sedici artisti provenienti da diversi paesi del Mediterraneo. Per Encuentros ha messo in scena lo spettacolo L’ayali l’kamar, presentato per la prima volta al Teatro Grande di Pompei, all’interno della rassegna “Mediterraneo”.

 

 

IN VENDITA I NUOVI ABBONAMENTI A

L’ALTRO SUONO FESTIVAL

A partire da martedì 23 marzo

 

Sono in vendita a partire da martedì 23 marzo i nuovi abbonamenti a l’Altro Suono festival 2010. Il prezzo dell’abbonamento ai cinque concerti va da 30 a 75 euro. L’abbonamento ai cinque concerti con la student card, riservato agli studenti iscritti all’Università di Modena e Reggio Emilia, da 13 a 19 euro. Info www.teatrocomunalemodena.it

 

 

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

BORGO DEI NONNI

A Lama di Reno il progetto lungimirante per un borgo “speciale” Ilcapogruppo di RETE CIVICA – Progetto Emilia-Romagna Marco Mastacchi ha presentato alla Presidente dell’Assemblea

“CALICI DI STELLE”

LUNEDÌ 8 AGOSTO RITORNA IN CENTRO STORICO A CASTELVETRO “CALICI DI STELLE” CON VINO, CIBO E MUSICA. MERCOLEDÌ 10 A LEVIZZANO OSSERVAZIONI DELLA VOLTA CELESTE

I tartufi alle Salse di Nirano

Alla Riserva di Nirano la sede dell’Associazione Tartufai di Modena che collabora nella manutenzione e pulizia dell’area protetta. Pochi forse sanno che sulle pendici dei