Demos: ( dal greco: democratico)

Condividi su i tuoi canali:

None

“”Credevo che “democratico” provenisse dal greco demos, cioè popolo.A Sassuolo, invece, democratico proviene dal carpigiano Demos Malavasi””

Commenta in questo modo Luca Cuoghi della lista civica “per Sassuolo” la nomina dei nuovi dirigenti del PD sassolese.

Un segretario di partito inviato da Carpi per scacciare quello scelto dai sassolesi e che sostiene un sindaco ed una giunta che per buona parte non hanno nulla a che vedere con questa città.

“”Non è nostro compito commentare la scelleratezza dell’organizzazione dei nostri avversari,soprattutto quando la stessa è dettata dalla disperazione, ma ci infastidisce pensare alle logiche dispartizione con cui cercano di mantenere il potere a Sassuolo.

Questa classe politica crede che i Sassolesi siano selvaggi ignoranti da addomesticare al loro volere. Forse si dimenticano di quanti Sassolesi sono famosi in Italia e nel mondo, rappresentanti di quelle eccellenze imprenditoriali, umanistiche, artistiche, intellettuali di cui è capace la nostra gente.””

Gli esempi a sostegno di queste affermazioni si potrebbero sprecare e vanno da Sua Eccellenza Reverendissima il Cardinale Camillo Ruini a cantanti di fama internazionale come Nek, senza contare quanti imprenditori, giornalisti, sportivi hanno fatto conoscere il nome di Sassuolo in tutto il mondo.

“”Noi della lista civica “per Sassuolo” crediamo che i Sassolesi non si faranno addomesticare da politici invasori e, meglio di chiunque altro, possano governare la città che amano ed in cui hanno scelto di vivere.

Per questo abbiamo scelto di appoggiare la candidatura a Sindaco di Luca Caselli, vero sassolese, che da sempre si batte per ridare a questa città il ruolo che si merita e per ridare Sassuolo aldemos, cioè ai sassolesi.””

 

Luca Cuoghi

lista civica “PER SASSUOLO”

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle