Degrado in piazzale Risorgimento

Condividi su i tuoi canali:

None

Da diverso tempo il degrado in Piazzale Risorgimento a Modena è divenuto inaccettabile.

I vetri rotti per terra testimoniano i furti all’interno delle auto che hanno reso lo stesso parcheggio del Piazzale insfruttabile per le persone che abitano e lavorano nella zona, soprattutto nelle ore notturne dove i controlli sono inesistenti.

La totale mancanza d’illuminazione nella parte retrostante il monumento, rende pericolosa la zona durante le ore serali per le commesse che lavorano nelle vicinanze quando, finita la giornata lavorativa, devono raggiungere le loro auto.

Che l’amministrazione si sia dimenticata di questa zona della città è dimostrato dal fatto che i vetri dei finestrini rotti rimangono a terra senza essere rimossi, diventando un pericolo per i pneumatici delle auto in sosta e per i bambini.

Questi problemi in una città si possono verificare ma quello che lascia stupefatti è come l’amministrazione e l’assessore alla sicurezza Marino si perdano in un bicchiere d’acqua senza trovare soluzioni rapide ed efficenti come potrebbe essere una adeguata illuminazione, qualche telecamera e un aumento dei controlli.

Attraverso un’interrogazione alla Giunta e al Sindaco chiederò spiegazioni sul perchè nessuno è ancora intervenuto, anche semplicemente per togliere i vetri e su come intendano intervenire per evitare che certi episodi di delinquenza e di degrado possano continuare, anche perchè il parcheggio viene oramai poco utilizzato per evidenti motivi legati alla sicurezza e per i residenti e per i lavoratori della zona  quei pochi posti auto sono indispensabili.

Sono questi i problemi che la gente ha bisogno di risolvere e che sente vicino alla loro vita quotidiana, ma la giunta ha già dimostrato da tempo di essere lontana dai cittadini che spesso si rivolgono a noi della Lega Nord come in questo caso.

 

Consigliere Comunale Lega Nord

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo