Deflazione a Modena

Condividi su i tuoi canali:

Il Segretario del Nuovo PSI – PDL, Giovanni Bertoldi , prevede gravi ripercussioni per l’economia modenese se non si interviene con urgenza anche a livello locale

I risultati dell’ufficio statistica del Comune di Modena sull’andamento dei prezzi a Novembre, confermano la tendenza dei due mesi precedenti, ovvero una generale riduzione dei prezzi al consumo. Possiamo quindi affermare che ci troviamo in una condizione di deflazione. E non bastano le giustificazioni del calo del prezzo del petrolio per rassicurarci, perché ad esempio sulle nostre bollette di Hera non vediamo apprezzabili diminuzioni, né dell’energia elettrica, né del gas.

Il calo dei prezzi può sembrare una buona notizia, ma in realtà è indice della situazione di grave difficoltà economica  in cui si dibattono i  nostri territori.

La gente non ha soldi, chi vende, pur di vendere, abbassa i prezzi, ma si autoriduce i guadagni e quindi si trova con minor possibilità di spesa a sua volta. I consumi calano, il mercato rallenta. Se non si inverte questa spirale, la sopravvivenza di molte aziende ed il benessere delle famiglie modenesi sono messi  in discussione.

Urgono interventi anche a livello locale perché il numero di dipendenti in cassa integrazione o di aziende in procinto di chiudere sono in preoccupante aumento.

Restiamo in attesa di Luglio, il mese in cui la banche fanno la revisione sui fidi concessi alle aziende, fidi che verranno rinnovati soltanto in condizioni di relativa salute delle aziende stesse. Si profilano pertanto per la prossima estate piani di rientro per i crediti concessi dalle banche a molte imprese e attività, che potrebbero costringere alla chiusura delle stesse, con il prevedibile impatto sull’economia e sull’occupazione.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo