Definite le misure del Comune a sostegno dello sport locale a Formigine

Condividi su i tuoi canali:

None

Società sportive formiginesi, il supporto del Comune di Formigine a fronte del grande impegno durante la crisi COVID-19: 200mila euro di contributi di gestione, cancellazione di 35mila euro di canoni, voucher per l’iscrizione alle attività a settembre

 

Definite le misure del Comune a sostegno dello sport locale, verso una ripartenza sicura delle attività. Diversi gli interventi previsti, a partire dalla conferma dell’assegnazione integrale del contributo di gestione per impianti sportivi alle società sportive del territorio, senza decurtazioni legate al periodo di inattività per il periodo marzo – agosto. Verranno quindi sbloccati contributi per oltre 200mila euro corrispondenti ad oneri di gestione per circa 50 impianti sportivi. Inoltre si è deliberata la cancellazione dei canoni di locazione per il periodo dal primo marzo 2020 (per circa 35mila euro complessivi), come ulteriore misura economica e iniziativa di attenzione e supporto nei confronti delle società sportive in difficoltà con la ripartenza, gli oneri legati ai protocolli di sicurezza, i mancati introiti da quote di iscrizione e sponsorizzazione, il calo delle presenze legato alle emergenze, a  fronte di costi fissi rimasti in buona parte invariati. Sul fronte del supporto alle famiglie poi, il Comune di Formigine recepirà le risorse stanziate dalla Regione Emilia Romagna (circa 23mila euro) per assegnare voucher da 150 euro l’uno a ragazzi fra i 6 e i 16 anni in difficoltà economica per l’iscrizione alle attività sportive di settembre. L’amministrazione sta cercando di implementare il numero dei voucher in assegnazione aggiungendo risorse proprie recuperate da donazioni. Le misure sono state comunicate lunedì 15 giugno in una videoconferenza condotta dal Sindaco Maria Costi e dal Vicesindaco Paolo Zarzana, alla presenza di 12 società che hanno ringraziato per l’attenzione ed espresso soddisfazione per le misure di supporto. “Le associazioni sportive hanno avuto un ruolo determinante durante la gestione della crisi da COVID-19 e durante il lockdown – ricorda il Vicesindaco Paolo Zarzana – perchè hanno dato un contributo fondamentale alla tenuta sociale: i volontari del mondo dello sport infatti hanno partecipato a “Formigine ti chiama” per tenere il contatto con gli anziani soli, hanno presidiato e vigilato i parchi, hanno animato le feste dei saluti di fine anno delle scuole, collaborato alla distribuzione delle mascherine, organizzato i centri estivi che rappresentano la prima opportunità di ritorno alla consueta socialità organizzata per i nostri giovani. Crediamo che questa generosità e questo attaccamento alla nostra comunità meritassero un riconoscimento e per questo abbiamo messo in campo varie azioni di supporto e sostegno. Per i quasi ottomila formiginesi che praticano attività sportiva il ruolo delle associazioni è irrinunciabile”.

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati