CPL CONCORDIA PROCLAMATO LO STATO DI AGITAZIONE

Condividi su i tuoi canali:

None
 
La FIOM CGIL e la FILLEA CGIL dopo non esser riusciti a trovare una mediazione con la Cooperativa per un accordo condiviso sulla questione ticket mensa, ultimo tassello del
contratto aziendale, proclamano lo stato di agitazione in CPL CONCORDIA.
Le Organizzazioni Sindacali e la RSU dopo un passaggio assembleare in tutto il territorio nazionale hanno proclamato lo stato di agitazione nazional, ogni territorio in autonomia
metterà in campo forme di lotta a pacchetto di ore di sciopero anche in assemblea.
La FIOM CGIL e la FILLEA CGIL ritengono inammissibile la scelta unilaterale della cooperativa di rompere le trattative ed istituire un regolamento che danneggi le lavoratrici
ed i lavoratori creando disparità di trattamento all’interno della cooperativa. Non si può accettare che ad essere penalizzati siano le lavoratrici ed i lavoratori più disagiati a scapito
della dirigenza a cui verrebbero riconosciuti 12 euro a fronte di 7,5 euro per il resto dei lavoratori.
Per i sindacati il ticket mensa deve permettere a tutti i lavoratori di accedere alle strutture interaziendale, di consumare un pasto dignitoso, tenendo conto del costo della vita.
Altresì, molti lavoratori saranno costretti a consumare un pasto nei cantieri tornando indietro di 40 anni.
Riaprire il tavolo di trattativa per migliorare il regolamento aziendale.
 
FIOM-CGIL NAZIONALE
FILLEA-CGIL NAZIONALE
[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati