Cosa prova in questo momento?

Condividi su i tuoi canali:

""Ma, per la serie , al peggio non c’è mai fine, ho realizzato che, nella Hit parade dello squallore umano, ci sono le frasi che gli assassini....""
art. di A.D.Z.

 

Credevo che la frase peggiore, la più esecrabile,  fosse  quel  bieco, cinico e povero :“Cosa prova in questo momento?”  del giornalista che piazza sotto il naso di qualche sfortunato il microfono, ansioso esclusivamente di fare un servizio. Probabilmente egli ritiene sia grande giornalismo, mentre è, invece, l’espressione  non solo del suo cinismo, ma anche e soprattutto della sua povertà professionale e umana.

Domanda posta a persone che stanno vivendo tragedie, causate da qualche delinquente, o da una catastrofe naturale, gente comunque sfinita e fiaccata, nell’anima e nel corpo, al punto da non avere neppure la forza di rispondere, come sarebbe giusto:  “Provo l’impulso irresistibile di spedirti a calci lontano dalla mia vista.”

Ma, per la serie , al peggio non c’è mai fine, ho realizzato che, nella Hit parade dello squallore umano, ci sono le frasi che gli assassini, beninteso una volta beccati, e sbattuti(temporaneamente s’intende) in galera, fanno dire ai loro avvocati difensori, i quali, con facce atteggiate a mestizia,  dicono che il loro assistito piange, e ha un pensiero verso la  persona che hanno ammazzato, magari facendola saltare in aria, come la povera Melissa Bassi.

Di fronte a una frase come questa, di fronte alla totale assenza di dignità, buon gusto, decenza… di chi prepara e mette in atto un attentato sanguinario e assurdo come quello di Brindisi, e di chi per denaro lo difende…cosa saranno mai le ridicole contraddizioni di Monti sui poteri forti, le assicurazioni della Fornero che l’art.18 favorirà l’occupazione, o le sparate di chi, forse pensando di giocare a Monopoli, propone di metterci a stampare euro a rotta di collo, così diventiamo tutti ricchi…

“Maria”  firma un articolo sugli Sciacalli, ovviamente bipedi, che rendono difficile la vita al prossimo.

Alex Scardina coraggiosamente con l’articolo Oltre il confine, la terra là non trema,  ricorda a tutti che le regioni e le province non sono limiti invalicabili, soprattutto per il terremoto, che non ha confini geografici.

Continua, con  notizie utili e link a varie iniziative, l’iniziativa di Bice, Emergenza Terremoto – Informazioni utili, per diffondere ulteriormente ciò che compare su stampa e Web.

Calibano, con ironia amara, ci presenta l’ultima creazione, dopo l’IMU e altri balzelli, da parte del Fisco, nell’articolo Dagli agli sposi.

Sono momenti difficili anche per chi scrive.

Fare coraggio a chi, come voi,  coraggio ne ha da vendere, non è necessario.

Ma spero che Bice  possa servire almeno a denunciare le inutili burocrazie, sensibilizzare tutti alla generosità, fare in qualche modo cassa di risonanza per iniziative e necessità.

Un augurio sincero, per un ritorno alla normalità.

Buona settimana, buona lettura del n. 327

 

A.D.Z.

© Riproduzione Riservata

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle