Coronavirus. Pigoni (Lista Bonaccini): servono contributi e sgravi fiscali per i professionisti del settore wedding

Condividi su i tuoi canali:

None

Coronavirus. Pigoni (Lista Bonaccini): servono contributi e sgravi fiscali per i professionisti del settore wedding

La consigliera chiede la costituzione di un tavolo nazionale per il settore matrimoni: “”Uno dei più colpiti dalla crisi, si rischia il tracollo””
 

Servono contributi e sgravi fiscali per fronteggiare la crisi del settore wedding, uno dei più colpiti dalla crisi innescata dall’emergenza coronavirus. È l’idea di Giulia Pigoni della Lista Bonaccini, che chiede alla Regione, con un’interrogazione, di impegnarsi per la costituzione di un tavolo nazionale a sostegno dei professionisti del settore matrimoni.

“”Il rinvio delle cerimonie ha generato una paralisi totale nell’organizzazione degli eventi e la crisi penalizza un’ampia platea di figure professionali””, spiega Pigoni. Si tratta di organizzatori di eventi, staff che si occupano delle location scelte dagli sposi per il ricevimento, cuochi, camerieri, fotografi, parrucchieri, estetisti, fioristi e musicisti. “”Sono lavoratori, spesso stagionali, che in buona parte sono esclusi dagli aiuti e dagli ammortizzatori previsti dal Governo””.

A causa del lockdown il 90 per cento delle cerimonie sono state rinviate al 2021 e questo comporterà perdite che oscillano tra l’85 e il 100 per cento del fatturato rispetto all’anno scorso, “”con il rischio concreto di un tracollo economico enorme””. Per questo Pigoni chiede alla Regione più tutele e sicurezza per i lavoratori del settore, a partire da sgravi e contributi a fondo perduto per il 2020.

(Giulia Paltrinieri)

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati