Coronavirus. Pigoni (Lista Bonaccini): servono contributi e sgravi fiscali per i professionisti del settore wedding

Condividi su i tuoi canali:

None

Coronavirus. Pigoni (Lista Bonaccini): servono contributi e sgravi fiscali per i professionisti del settore wedding

La consigliera chiede la costituzione di un tavolo nazionale per il settore matrimoni: “”Uno dei più colpiti dalla crisi, si rischia il tracollo””
 

Servono contributi e sgravi fiscali per fronteggiare la crisi del settore wedding, uno dei più colpiti dalla crisi innescata dall’emergenza coronavirus. È l’idea di Giulia Pigoni della Lista Bonaccini, che chiede alla Regione, con un’interrogazione, di impegnarsi per la costituzione di un tavolo nazionale a sostegno dei professionisti del settore matrimoni.

“”Il rinvio delle cerimonie ha generato una paralisi totale nell’organizzazione degli eventi e la crisi penalizza un’ampia platea di figure professionali””, spiega Pigoni. Si tratta di organizzatori di eventi, staff che si occupano delle location scelte dagli sposi per il ricevimento, cuochi, camerieri, fotografi, parrucchieri, estetisti, fioristi e musicisti. “”Sono lavoratori, spesso stagionali, che in buona parte sono esclusi dagli aiuti e dagli ammortizzatori previsti dal Governo””.

A causa del lockdown il 90 per cento delle cerimonie sono state rinviate al 2021 e questo comporterà perdite che oscillano tra l’85 e il 100 per cento del fatturato rispetto all’anno scorso, “”con il rischio concreto di un tracollo economico enorme””. Per questo Pigoni chiede alla Regione più tutele e sicurezza per i lavoratori del settore, a partire da sgravi e contributi a fondo perduto per il 2020.

(Giulia Paltrinieri)

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo