Cordoglio per la morte della piccola Sofia SADDI

Condividi su i tuoi canali:

None
METRO CAGLIARI, IL CORDOGLIO DELLA FISASCAT CISL PER LA MORTE DELLA PICCOLA SOFIA SADDI.
RAINERI: «LA SICUREZZA SUL LAVORO E’ UN DOVERE DI CIVILTA’ E UNA PRIORITA’ SOCIALE»

 

Roma, 22 ottobre 2016 – La Fisascat Cisl esprime sentimenti di profondo cordoglio e vicinanza ai familiari della piccola Sofia Saddi che ieri ha tragicamente perso la vita al supermercato all’ingrosso del gruppo Metro di Cagliari.
«Una vicenda che ci lascia sgomenti e addolorati per la grave perdita che ha colpito questa giovane famiglia sarda privata del suo affetto più caro» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Pierangelo Raineri. «La sicurezza sul lavoro è un dovere di civiltà e una priorità sociale ed è nostro compito riproporre il tema in tutte le opportunità di confronto» ha aggiunto il sindacalista.
Attonito dalla commozione anche Giuseppe Atzori, segretario generale della Fisascat Cisl cagliaritana. «E’ straziante pensare al dolore dei genitori spettatori impotenti ma non si può non pensare anche allo stato d’animo ed alla disperazione dei lavoratori del magazzino. Anche loro impotenti ed inermi, coinvolti loro malgrado in una tragedia immane» ha dichiarato Atzori. «Una tragedia che riporta prepotentemente alla ribalta un tema centrale anche dell’attività contrattuale decentrata, dove garantire la sicurezza sul lavoro deve essere la priorità nell’interesse non solo di chi lavora ma anche del pubblico che richiede i servizi sul mercato» ha concluso il sindacalista.

 

Ufficio Stampa Fisascat Cisl Nazionale
 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.