Cop27 di Sharm el Sheik

Condividi su i tuoi canali:

Greta Thunberg non va alla Cop27. E – chissà? – forse l’Europa la smette coi sensi di
colpa sul global warming.

Greta Thunberg non si è presentata alla Cop27 di Sharm el Sheik. Poca perdita, direte voi. In effetti, protestare a Stoccolma o a Londra viene più facile (e meno rischioso) che esporsi in Egitto, in Iran o in Cina come ci raccontano le cronache. Ma la ragazza questa volta l’ha fatta giusta. Sebbene colpevole di aver imposto la rivoluzione industriale, la vecchia e cara Europa non ha motivo di flagellarsi e martellarsi continuamente sugli zebedei per il global warming. Iniziamo a dire le cose come stanno: non siamo noi a soffocare il mondo. Almeno, non oggi.

Vediamo chi sono i Paesi che scaricano in atmosfera più tonnellate di CO2. Il report è del Sole24Ore.

E, indovina un po’, è la Cina la responsabile principe del riscaldamento globale: ogni anno spara in atmosfera 12.466 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Poi vengono gli USA, ben 4.752 (un terzo quindi dei comunisti di Pechino) e poi vengono altri due “grandi” produttori: l’India con 2.648 tonnellate e la Russia con 1.942. La Russia, da sola, emette più CO2 di quattro potenze industriali europee: Germania (665), Polonia (320), Italia (319) e Francia (302). L’Italia, oggettivamente il peggior paese possibile per tantissime anime belle col cuore nella ZTL della sinistra al caviale, è quindicesima al mondo sia per emissioni totali sia per emissioni pro-capite dove siamo superati, alla grande, da insospettabili Paesi: Arabia Saudita, Canada, Australia, Stati Uniti, Russia, Kazakhistan, Libia, Cina, Polonia, Germania, Mongolia, Sud Africa, Finlandia e Bielorussia…E la globalizzazione, coi suoi trasporti, spara in cielo poco meno di 700 milioni di tonnellate di CO2 l’anno. Il doppio di quanto facciamo noi italiani.

Vuol dire che da domani possiamo fregarcene e possiamo tirar fuori dai garage i nostri diesel euro zero e spingere a fondo sull’acceleratore?

No, vuol dire semplicemente che abbiamo il dovere e la possibilità di dare l’esempio e di guidare la transizione verde come Europa, ma che dovremmo farlo non imponendo esclusivamente ai nostri concittadini – persone fisiche ed imprese – regole d’acciaio (con penalizzazioni conseguenti), ma imponendo agli stati canaglia della natura di smetterla col dumping ambientale. E quindi, freno alla globalizzazione; stop alle lunghe catene del valore; fine della caccia cinese alle terre altrui; fine delle importazioni di prodotti che vengono realizzati attraverso lo sfruttamento insensato della natura. Che sia la Cina, il Sudafrica o il Brasile poco importa: in Europa si produce con meno CO2. Less is more. Se volete vendere, vi adeguate. Altrimenti, il Bangladesh, il Pakistan e Shanghai ve li salvate da soli. Forse con un approccio più pragmatico e meno ideologico magari il pianeta lo salviamo per davvero…

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo