CONTROLLI DELLA POLIZIA MUNICIPALE SUI MEZZI PESANTI

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

 

Proseguono i controlli da parte della Polizia Municipale di Sassuolo, congiuntamente alla motorizzazione civile, sui mezzi pesanti circolanti nelle strade del nostro territorio per garantire la sicurezza di chi transita lungo le arterie principali e, nel contempo, favorire il rispetto delle basilari regole di leale concorrenza.

 

Nella giornata di ieri mercoledì 22 agosto, operatori appartenenti al Corpo Polizia Municipale del Comune di Sassuolo, congiuntamente agli addetti Ministero Infrastrutture e Trasporti – Direzione Generale Territoriale Nord /Est, Sezione Coordinata di Rovigo/Verona, attraverso l’unità di revisione mobile, hanno svolto attività di controllo dell’attività di autotrasporto, su veicoli commerciali circolanti sulle strade del territorio sassolese, del Distretto Ceramico.

 

Sono stati 13, in totale, gli autotreni o autoarticolati controllati durante l’arco dell’intera giornata, di cui 5 sanzionati (2 italiani, 2 comunitari ed uno extracomunitario.

 

Nove le violazioni emerse ed immediatamente contestate dalla Polizia Municipale.

 

6 contestazioni sono relative all’Art. 79 del Codice della Strada in merito a dispositivi non funzionanti , non conformi, lesionati o usurati.

1 contestazione in base all’Art. 72 C.d.S. relativo a “mancanza di dispositivi”.

1 contestazione in base all’Art. 180 C.d.S. relativo a “mancanza documenti al seguito”.

1 contestazione in base all’Art. 173 C.d.S. relativo a “uso di apparecchio radiotelefonico durante la guida”

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.