Contro il lavoro nero nuovi strumenti per i comuni

Condividi su i tuoi canali:

None

Francesco Ori: da settembre all’opera una commissione tecnica

 

Il lavoro nero, che in questo periodo di crisi rischia di diffondersi ulteriormente come facile ricetta anti-crisi, va contrastato con un’azione congiunta di tutti i soggetti (dalla Direzione provinciale del lavoro all’Inps, dalla Guardia di finanza all’Inail) e dotando di nuovi strumenti di intervento anche i Comuni». Lo afferma l’assessore provinciale al Lavoro Francesco Ori che, facendo riferimento alle notizie apparse in questi giorni, annuncia per settembre l’avvio di  una commissione tecnica che «ha proprio l’obiettivo di individuare le modalità per consentire un utilizzo più efficace su questo tema della polizia municipale nelle operazioni di controllo, in particolare in tutte quelle situazioni dove si registrano i maggiori abusi nel ricorso a strumenti che favoriscono la flessibilità del lavoro».

Per l’assessore Ori, infatti, è importante che accanto al potenziamento dei controlli («e in questo il ruolo dei Comuni potrà risultare strategico») prosegua l’impegno «in politiche efficaci di emersione del lavoro nero per superare situazioni di illegalità che alimentano la precarietà occupazionale e alterano gli equilibri del tessuto economico e sociale: evasione fiscale, mancanza di sicurezza sul lavoro e concorrenza sleale tra imprese».

Tra i compiti della commissione tecnica ci sarà quello di definire le caratteristiche degli accertamenti da effettuare, prevedendo anche  la relativa attività di formazione per i vigili, e la valorizzazione delle esperienze di collaborazione fin qui realizzate con gli altri soggetti che hanno compiti ispettivi, così come le specifiche sanzioni accessorie che potrebbero essere inserite nei regolamenti comunali: da alcuni giorni di chiusura fino alla sospensione della licenza.

«I risultati del lavoro della commissione – spiega Ori – saranno proposti alle organizzazione sindacali, alle associazioni di categoria e a tutti i Comuni per garantire la maggior omogeneità possibile sul territorio, per una maggiore efficacia dei controlli e per contrastare un fenomeno che avvelena le nostre comunità».

 

Uff. stampa

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista