Continuerò a scrivere Kossiga con la K

Condividi su i tuoi canali:

Fu denominato il 'picconatore' per le sue esternazioni nell'ultimo periodo della sua presidenza della Repubblica, ma non contribuì mai, davvero, a fare chiarezza sui tanti segreti della vita repubblicana. Kossiga era e Kossiga rimane.


Il presidente Sergio Mattarella, nel decennale della morte di Francesco Cossiga, ne ha tracciato un ritratto con troppe luci. Per me si scrive ancora Kossiga.
Non dimentico che dal 1966 fu sottosegretario alla difesa con delega a Gladio, di cui aveva fatto parte e che continuò a mantere segreta apponendo degli omissis ai documenti in visione alla Commissione Parlamentare sul Piano Solo, tentativo di colpo di stato.
Era ministro dell’interno quando l’11 marzo 1977 fu ucciso Francesco Lorusso a Bologna in uno scontro con la polizia e Kossiga rispose alle successive proteste inviando i blindati.
Il 12 maggio di quell’anno durante una pacifica manifestazione radicale (non autorizzata perchè Lossiga le aveva vietate tutte per più di un mese) fu uccisa Giorgiana Masi e Kossiga dovette ammettere che erano presenti agenti provocatori.
Sempre come ministro dell’interno, dopo il rapimento di Moro, formò due comitati di crisi, pieni di uomini della P2 e con lo stesso Licio Gelli, con il falso nome di ing. Luciani.
Era presidente del consiglio quando ci fu l’abbattimento dell’aereo a Ustica e iniziò la tragica farsa dei depistaggi.
Fu denominato il ‘picconatore’ per le sue esternazioni nell’ultimo periodo della sua presidenza della repubblica, ma non contribuì mai, davvero, a fare chiarezza sui tanti segreti della vita repubblicana. Kossiga era e Kossiga rimane.

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista