Consulta Ambientale e Ordine dei Medici

Condividi su i tuoi canali:

None

La Consulta Ambientale del Comune di Modena e il Consiglio dell’Ordine dei Medici di Modena ,  si sono confrontate  relativamente ai rischi  sanitari, sì è parlato delle fonti di inquinamento a Modena;centrali elettromagnetiche, traffico veicolare,inquinamenti industriali  e del potenziamento dell’inceneritore sito in via Cavazza nel Comune di Modena. L’incontro è nato dopo che i due Enti ,avevano   approvato dei  documenti che auspicano   la riduzione   delle fonti di inquinamento. In particolare ,l’incontro, è servito a creare una “sinergia” rivolta all’informazione da dare ai cittadini modenesi e,che a settembre inizierà con una pubblica assemblea ,  che coinvolgerà   il Sindaco di Modena e gli Enti sanitari.In particolare ,la Consulta e l’Ordine dei  Medici  di   Modena chiedono di fare scelte politiche per la raccolta differenziata e il riciclaggio ed abbandonare  termodistruzzione, di avere  una maggiore   informazione sulla discarica e sul funzionamento dell’inceneritore,di costituire un “Osservatorio di correttezza metodologica” a tutela della salute dei cittadini. L’Ordine dei Medici e la Consulta Ambientale di Modena  invitano il Sindaco ad attivarsi per una doverosa pausa di riflessione,stante gli allarmi sanitari e medici, così come risultato dallo studio epidemiologico del CNR di Pisa sugli impianti  di incenerimento esistenti nel mondo dal 1987 ,dove si osserva l’aumento e il rischio per i residenti  prossimi a quel tipo di stabilimenti industriali.

 

 

 

                                                            

 

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.