Consulenze del Comune di Carpi spiegano come si svuotano le casse

Condividi su i tuoi canali:

None

Leggere sui giornali i numeri delle consulenze attribuite dal Comune di Carpi negli scorsi anni, permette di comprendere al meglio come il denaro pubblico venga speso con una certa leggerezza.

Considerata la mia storia personale, nessuno penso possa dubitare quanto sia importante per me la promozione della cultura. Ma troppo spesso i progetti e le iniziative finanziate, per le quali si firmano importanti contratti di consulenza, hanno origini dubbie.

Oppure vengono assegnate sempre agli stessi nomi che ricorrono.

Insomma, ci sono molte spese del Comune, fatte nei tempi d’oro, quando il gettito fiscale era superiore, la spesa sociale inferiore, che hanno consumato risorse preziose, senza bandi di gara, ma con attribuzioni dirette, spesso probabilmente con delibere di Giunta. Un errore nella definizione delle priorità di spesa, oggi ci trova impreparati e con minore disponibilità economica di fronte alla crisi. E’ tempo di prendere atto dei mille rivoli in cui si incanala il denaro pubblico, senza controllo, e senza che i cittadini ne abbiano una precisa sensazione.

Prof.ssa Giuseppina Baggio

 

Consigliere comunale – PDL Carpi

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...