Con l’Europa bisogna cambiare atteggiamento

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Se l’Unione Europea vuole sopravvivere, deve cambiare approccio.
art. del dr. Riccardo Pelizzo

La Francia negli ultimi mesi non ha avuto paura di usare i muscoli: attacchi alla Libia, bombe sulla Costa d’Avorio, e schiaffi (morali) all’Italia. L’Italia invece ha saputo solo dimostrare una certa propensione a tentennare: non sa che pesci pigliare in Libia, non usa la forza per bloccare gli scafisti che ci portano migliaia di sedicenti profughi, non rispedisce a casa chi entra illecitamente nel nostro paese e non riesce a farsi aiutare dai partner europei a gestire questo esodo dal Nord-Africa.

La risposta leghista è stata una risposta antieuropeista: non vogliamo stare in una Europa che ci maltratta.

Per cui o l’Europa ci tratta bene e ci rispetta e ci aiuta, o altrimenti ce ne andiamo.

L’atteggiamento è piuttosto sbagliato perché l’Europa sa che l’Italia non può permettersi di uscire da sola dalla Unione Europea o di abbandonare l’Euro (e di esporsi così alle speculazioni valutarie che ci colpirono nel 1992). E quindi l’Europa sa che le minacce italiane sono solo parole al vento che mostrano la nostra impotenza.

Per cui l’Italia deve adottare una diversa strategia e deve dire: con scelte spesso sbagliate l’Unione Europea genera malcontento, porta al successo elettorale i partiti anti-europeisti, e crea le condizioni per un eventuale fallimento del progetto europeo/europeista.

Se è questo quello che vuole, vada avanti così.

Se invece l’Unione Europea vuole sopravvivere, deve cambiare approccio. Un segno concreto consiste nel dar ragione all’Italia e nel convincere la Francia ad accettare (e a far passare sul suo territorio) i tunisini muniti di regolare visto italiano.

Con questi argomenti per i nostri ministri sarebbe più facile trovare orecchie attente a Bruxelles e difendere i nostri legittimi interessi nazionali.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ripensare il turismo  futuro

La tragedia della Marmolada lascia  sgomenti e annichiliti, per la gravità del bilancio che si va aggravando di ora in ora, con due cordate di

Riflessioni sull’aborto

La decisione della Corte suprema statunitense di lasciare ad ogni stato dell’Unione la libertà di legiferare sul diritto all’aborto, ha riportato in prima pagina un