Con la partecipazione del Circolo Nuraghe È stato rinnovato l’impegno fra i comuni gemellati

Condividi su i tuoi canali:

None

 

Fiorano Modenese e Maranello con Bultei, Burgos, Ittireddu e Ozieri

 

Da venerdì 22 a domenica 24 novembre si sono svolte le iniziative nell’occasione del trentesimo anniversario della sigla del gemellaggio fra le amministrazioni emiliane di Fiorano Modenese e Maranello, con quelle sarde di Bultei, Burgos, Ittireddu e Ozieri.

Venerd

Da allora i rapporti fra queste comunità non si sono mai interrotti, grazie all’impegno del Circolo Nuraghe di Fiorano Modenese e della Fasi, che già un anno fa hanno promosso una riflessione sul presente e sul futuro dei gemellaggi in una due giorni culminata nel convegno ‘Genti in Movimento – Vecchi e Nuovi processi migratori’, base per dare sviluppo all’amicizia fra le diverse comunità e per affrontare insieme tematiche ineludibili come sviluppo, lavoro, integrazione.

Il programma istituzionale dei tre giorni si è aperto ad Ozieri venerdì 22 novembre con il convegno ‘Il Neolitico a Fiorano e Ozieri’ nel Palazzo Costi, nel quale Stefania Spaggiari, direttore del Museo della Ceramica del Castello di Spezzano e l’archeologa Michela Migaleddu per approfondire le culture neolitiche di Fiorano e di Ozieri. E’ seguita l’inaugurazione di due mostre visitabili fino al 30 novembre: ‘Maranello, Ferrari e la sua gente’ e ‘Migrantes per l’Europa’, una raccolta di vignette selezionate da Luca Paulesu per sensibilizzare il pubblico su temi come il destino dell’Europa, la migrazione dei popoli, l’integrazione, l’identità europea, la cittadinanza attiva e la democrazia.

Sabato mattina la delegazione modenese è stata ricevuta in municipio ed è salita alla Foresta dei Fiorentini. Nel pomeriggio, a Ozieri, si è svolta la cerimonia ufficiale per il rinnovo degli impegni previsti nel protocollo di gemellaggio, presenti i sindaci di oggi dei sei comuni Salvatore Arras, Franco Campus, Francesco Fois, Marco Murgia, Francesco Tosi, Luigi Zironi e alcuni di quelli che diedero trent’anni fa vita al gemellaggio:  Vanni Fadda (come Presidente Comunità Montana Monte Acuto e poi sindaco di Ozieri) Antonio Marongiu (Ozieri), Egidio Pagani (Fiorano Modenese), Michele Sanna (Bultei), Diego Satta (Ittireddu). In rappresentanza dell’assessore reginale Alessandra Zedda, è intervenuto Marco Tedde, per la Fasi il presidente nazionale onorario Tonino Mulas e il presidente del Circolo Nuraghe di Fiorano Modenese Mario Ledda

Pur con situazioni socioeconomiche assai diverse e quindi con possibilità di risorse diretti e di contesti diversi, i nodi sono comuni: l’occupazione, la burocrazia, le infrastrutture, l’emigrazione dei giovani, la contrapposizione e l’insicurezza che generano paure, alzano muri e rendono più difficile l’incontro e il confronto, dimenticando che le migrazioni sono caratteristiche dell’umanità, praticate da sempre perché gli uomini hanno piedi e non radici. I gemellaggi sono un’opportunità da portare nelle scuole per coinvolgere le nuove generazioni.

La giornata di domenica è stata dedicata alle visite alle comunità di Ittireddu, dove la delegazione ha partecipato al concerto che ha saputo unire le voci del Coro con il suono di 4 violoncelli e poi con la danza del Gruppo Folk. La visita si è conclusa al Castello di Burgos e al Museo del Castello.

 

Fiorano Modenese 27 novembre 2019

 

Nelle immagini:

1: La cerimonia svoltasi nella sala del Civico Museo Archeologico delle Clarisse di Ozieri

 2:  I sindaci dei comuni gemellati

3:  il concerto a Ittireddu

4: Nella cerimonia istituzionale momento della consegna di targhe ricordo. Con i sindaci il presidente del Nuraghe Mario Ledda.

 

 


 

gemellaggio 4.JPG (576 Kb)
 

Download

gemewllaggio 1.JPG (1005 Kb)
 

Download

gemellaggio 3.JPG (888 Kb)
 

Download

gemellaggio 2.JPG (812 Kb)
 

Download

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati