Comunicazione scientifica e bufale

Condividi su i tuoi canali:

None

Compare sempre più frequentemente in riviste quali settimanali o quindicinali, quotidiani, nel web o nei social network che è stata scoperta la causa che porta al cancro.

Purtroppo non è cosi bisogna fare delle precisazioni e dare l’informazioni per come sono.

Secondo quanto ha detto il medico e fisiologo tedesco premio Nobel per la medicina  Otto Heinrich Waburg, il cancro e le malattie degenerative sono il risultato di un potere antifisiologico e di uno stile di vita antifisiologico.

Uno stile di vita nutrizionale , con dieta basata su cibi acidificanti e l’inattività fisica , il corpo crea un ambiente acido  con conseguente cattiva ossigenazione delle cellule.

L’acidosi cellulare, causa l’espulsione di ossigeno cosi come la mancanza di ossigeno nelle cellula determina la formazione di un ambiente acido.

La mancanza di ossigeno e l’acidità sono due facce della stessa medaglia se una persona ha uno ha anche l’altro.

Le sostanze acide respingono ossigeno a differenza delle alcaline che attirano l’ossigeno.

Privando una cellula o un tessuto del 35% del suo ossigeno è possibile sviluppare una malattia degenerativa o un cancro.

Le cellule sane vivono in un ambiente ossigenato e alcalino che consente il normale funzionamento.

Le cellule di un tessuto tumorale o quando c’è una malattia degenerativa vivono in un ambiente acido e carente di ossigeno.

Tra i cibi acidificanti vengono annoverati: zucchero, carne, formaggi, sale raffinato, pasta, farina, margarina, caffe, cioccolato, thè nero, tabacco, tutte le medicine.

Tra i cibi non acidificanti invece, vengono annoverati, verdure crude, frutta, semi, cereali, miele.

Inoltre afferma che l’acqua è importante per la produzione di ossigeno, la disidratazione cronica è la tensione principale del corpo e la radice della maggior parte di tutte le malattie degenerative, questo confermato anche dagli studi del Dott. Feydoon Batmanchelid.

Non bisogna  smontare la teoria dell’alcalinizzazione nello specifico, non è  il punto della questione.

E’ importante , importantissimo fare attenzione a prescindere a ciò che si divulga, proprio per non complici del dilagare di una bufala.

E’ triste veder scritto che da quando Waburg ha prodotto la sua ricerca scientifica nulla è stato fatto in base a tale conseguimento, se non continuare a raccogliere in tutto il mondo soldi per la ricerca, attraverso associazioni come, ad esempio l’italiana, AIRC.”” senza argomentare ulteriormente, che cita come articoli di approfondimento e fonti elenca link non funzionanti o che portano direttamente a siti che vendono integratori o libri sull’argomento, questo per  principio non dovrebbe essere divulgato.
Perchè, anche se le teorie sono vere, in un contesto marchettaro non possono far altro che essere dannose, e creare disinformazione.
Un esempio: qualche anno fa su Facebook  si scriveva che il Prof. Zamboni, emiliano, avesse trovato la causa (un’anomalia vascolare) e soprattutto la cura (un intervento di chirurgia vascolare) per la sclerosi multipla, ma che fosse osteggiato dal sistema sanitario italiano ed internazionale. In  modo evidente e rimarcato venivano poi elencati una serie di centri privati all’estero che praticavano questo intervento (al costo di migliaia di euro) senza fare troppe domande.

 Nello specifico la teoria di Zamboni era serissima e importante, e su di essa sono stati costruiti studi scientifici a livello italiano ed internazionale per provarne la veridicità, l’efficacia e i potenziali rischi.

Pertanto quando la teoria pur vera é messa in un contesto sbagliato, è da crimine divulgarla, soprattutto quando il fine è così palese.. vendere integratori (teoria dell’alcalinizzazione) o sponsorizzare centri medici all’estero di dubbia serietà (sclerosi multipla)? .

Diciamolo subito evitando fraintendimenti…. non esiste integratore alimentare definito tale, capace di curare o aiutare nella cura di un cancro o di una malattia degenerativa.

Sulla teoria dell’alcalinizzazione esistono  perplessità che possono essere accettate o meno, ma restano delle perplessità, con questo non significa che si chiude la discussione maturando una verità assoluta , l’evoluzione degli studi è apertissima; una dieta ricca di frutta e verdura certamente non fa male e in generale le indicazioni alimentari citate in materia, sono validissime.

Bisogna domandarsi comunque, se la chemioterapia acidifica il corpo e il cancro cosi come le malattie degenerative sono favoriti dagli ambienti acidi, la domanda è,  perchè  funziona?

E’ sicuro che le cellule ammalate vivano proprio in anaerobiosi? Se si,  nasce un’altra domanda, perchè allora funzionano target therapy che si basano sull’inibizione della capacità delle neoplasie di crearsi da sè i propri vasi (neoangiogenesi)?

Come si pone questa teoria nei confronti dei tumori che hanno carattere ereditario o indotte per esempio da radiazioni (Cernobyl)?

Fermo restando che qualsiasi farmaco va preso con criterio e solo se strettamente necessario.. abolirli del tutto onde evitare l’insorgenza del cancro o una malattia degenerativa non ci porterebbe poi a morire per altre cause che per secoli abbiamo combattuto e solo recentemente riuscito a tenere sotto controllo ( malattie infettive)? Sicuro che lo zucchero abbia lo stesso pH del succo di limone?

Warburg ha sicuramente delineato un importante aspetto che permette di diversificare cellule cancerose da cellule normali, basandosi sul consumo del glucosio, ma non è solo questa la causa primaria de cancro, è solo un importante punto di vista sul quale approfondire con studi seri .

Warburg non ha vinto il nobel per la scoperta della causa del cancro ma per le sue ricerche sull’enzima respiratorio, chiamato in suo onore Enzima di Warburg, noto anche come enzima giallo (http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/medicine/laureates/1931/).
Pubblicò molto dopo (nel 1966) un libro intitolato “”La prima causa e la prevenzione del cancro””, dove ipotizzava che la causa del cancro fosse l’anaerobiosi (non tirò mai in mezzo le cazzate di cui si legge oggi).

La sua teoria è stata condraddetta  quando le ricerche di Kudson sul retinoblastoma mostrarono che derivava da un accumulo di mutazioni genetiche (http://www.pnas.org/content/68/4/820).

Sembra di fatto di trovarsi di fronte a quella che Bertrand Russel Filosofo e matematico gallese definisce la teiera, da cui prende il suo nome: per confutare l’idea che spetti allo scettico screditare le affermazioni di non falsificabilità delle religioni cioè, Credere senza prove a ciò che ci viene detto da uno che parla senza cognizione di causa di cose senza paragone.

Senza trascurare che nell’ultimo secolo i progressi della medicina hanno fatto sì che una normale bronchite non stronchi al primo freddo il paziente affetto, né che i bambini muoiano per causa di una banale malattia esantematica .

Mai credere a qualsiasi formula che viene proposta come cura miracolosa, da
qualsiasi fonte essa provenga.

L’alimentazione fatta bene è importante ma da sola non cura un bel niente.

E’ vero purtroppo che molti vogliono vendere e guadagnare soldi con la babbionaggine ( termine improprio) della gente che si trasforma al minimo input nel solito popolo di ultras.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati