COMUNICATO STAMPA “”GIORNATA DEL RICORDO””

Condividi su i tuoi canali:

None

Bologna, 9 febbraio 2022

Siamo delusi e sorpresi nel constatare che, a poche ore dal Giorno del Ricordo, i siti istituzionali del Provveditorato agli studi della Regione Emilia-Romagna e dell’Assessorato alla Scuola della Regione stessa non abbiano ritenuto di promuovere o pubblicizzare in alcun modo le attività commemorative per la Giornata del Ricordo. Fino alla data di oggi, forse anche a seguito degli articoli di stampa apparsi in merito, si è inserito solo uno striminzito comunicato, solo nella sezione notizie (non nella Home page) del sito istituzionale del Provveditorato.

Il Giorno del Ricordo è una solennità civile nazionale che si celebra il 10 febbraio di ogni anno, è stata istituita nel 2004, ha come obiettivo primario quello di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale.

Le foibe e l’esodo delle comunità italiane giuliano-dalmate e istriane, ad opera delle regime comunista del Maresciallo Tito, costituiscono una pagina drammatica della storia italiana, sono state una immane tragedia per lungo tempo dimenticata e tutt’ora, purtroppo, vittima del negazionismo di alcuni. Come la grave contromanifestazione annunciata per impedire ad Azione Universitaria di fare una semplice fiaccolata nel Giardino intitolato proprio a Norma Cossetto nella giornata di sabato p.v.

Per questo motivo ho deciso di scrivere all’assessore alla scuola, Paola Salomoni, manifestando il mio stupore per la mancanza di attività segnalate e pubblicizzate sui siti istituzionali, chiedendo inoltre quali iniziative sono state promosse all’interno della scuola dall’Assessorato di sua competenza per celebrare il Giorno del Ricordo.

Mi auguro che sia stata solo una svista da parte dell’Assessore.

Lo dichiara

Marco Lisei – capogruppo FDI Regione Emilia-Romagna

 
[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gentilezza mal ripagata

Un gesto  di gentilezza, tenere aperto il portone  d’entrata del palazzo a chi segue … Le persone  educate lo compiono quasi automaticamente, non lascerebbero mai

Olimpiadi ma non in pace

Quando nell’antichità si svolgevano  le Olimpiadi, le guerre erano sospese da una tregua e quando Pierre de Coubertin volle riproporle nel mondo che si avviava