Complimenti Eccellenza!

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
Ugolino della Gherardesca Conte di Donoratico conferma con queste sue considerazioni la sua sottile insofferenza verso gli Arcivescovi

Ci avevano raccontato che la Croce di Cristo è il simbolo di Verità e di Pace: invece pare siano tutte baggianate da oratorio di periferia.

Ci avevano raccontato che lo splendido vessillo arcobaleno con la parola “pace” campeggiante al centro, è in realtà uno strofinaccio, un simbolo legato alla società teosofica, l’espressione di un frappé ottenuto miscelando Gnosticismo dualista, metempsicosi senza regressione, Induismo, Neo-platonismo, esoterismo buddista, sincretismo New Age, Massoneria, il tutto condito con una cucchiaiata di Relativismo: invece sembra che tutto ciò sia solo di un’ignobile mistificazione della realtà tesa a denigrare correnti di pensiero che hanno la medesima dignità, quando non superiore, del Cristianesimo.

Qualcuno aveva persino osato constatare che lo splendido vessillo è sbandierato anche da correnti di pensiero che si rifanno all’ateismo puro, con tutto ciò che ne consegue: “Ebbene, se anche fosse così – sembra dire qualcuno – che male c’è?”.

Ci avevano anche detto che una delle colpe più gravi da imputare ad un Pastore non riguarda tanto ciò che egli pensa, la sua intensità di fede, il suo comportamento che, talvolta, potrebbe anche non essere irreprensibile, quanto il provocare, attraverso prese di posizione, parole o fatti, grave disorientamento nel gregge delle pecorelle che gli sono affidate e che al Pastore si affidano. “Perbacco! – esclamerà il medesimo qualcuno – un Pastore potrà ben dare un’interpretazione teologicamente e filosoficamente “avanzata” del Vangelo e dei Sacri Testi in generale!”

Avete capito a quale arcano evento mi riferisco? Non ancora?

Che cosa poteva mancare a Lourdes davanti alla Grotta di Massabielle, ai piedi della statua dell’Immacolata Concezione, se non lo splendido vessillo arcobaleno della pace?

S. E. R. l’Arcivescovo [1] , Assistente ecclesiastico nazionale dell’u.n.i.t.a.l.s.i., ha ritenuto di dare una lezione al Vescovo di Roma, che, seppur vestito di bianco, non essendo Arcivescovo, gli è sottoposto. Quest’ultimo infatti, proprio due giorni prima del pellegrinaggio governato da S.E.R. Monsignor Arcivescovo, tramite l’Agenzia vaticana Fides aveva molto imprudentemente osato chiedere: “Come mai uomini di Chiesa, laici o chierici che siano, hanno per tutti questi anni ostentato la bandiera arcobaleno e non la Croce, come simbolo di pace? Sarebbe interessante interrogare uno per uno coloro che, forse anche inconsapevolmente, hanno affisso sugli altari, ingressi e campanili delle chiese, lo stendardo arcobaleno.” E ancora: “Questi uomini e donne di chiesa sanno qual è l’origine della bandiera della pace? Molti probabilmente no, altri, pur sapendo, non se ne preoccupano più di tanto” [2] .

Tutto ciò deve essere parso di inaudita gravità a S. E. R. Monsignore Arcivescovo. E così egli ha ritenuto di inviare un messaggio forte e chiaro a tutti i cattolici nonché, già che c’era, alla Madonna, nel caso avesse intenzione di obiettare qualcosa. Lo splendido vessillo è stato srotolato domenica scorsa ai piedi della statua dell’Immacolata Concezione, dinnanzi alla Grotta di Massabielle a Lourdes.

La ringrazio molto e mi complimento con Lei, Eccellenza Reverendissima: Lei mi ha aperto gli occhi e mi ha svelato la Verità. Altro che Vangelo, Croce ed altre anticaglie tradizionaliste consimili. Siamo nella Nuova Era dell’Acquario, del Gay Pride, non possiamo continuare a gingillarci col trapassato remoto, occorre guardare al futuro.

Anzi, sa cosa mi permetto di suggerirLe, Eccellenza Reverendissima? Perché non lasciare in pianta stabile, srotolato e ben visibile, lo splendido vessillo arcobaleno ai piedi della Grotta di Massabielle? Così anche il Vescovo di Roma, quando si recherà a Lourdes in autunno, invece di andare in giro con la solita veste bianca capirà che i colori dell’arcobaleno sono tanto più belli.

Siamo tutti con Lei: complimenti Eccellenza!



[1] Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Luigi Moretti – http://www.vicariatusurbis.org/Vicegerente.asp

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...