Compagno Marchionne? Ma dai!

Condividi su i tuoi canali:

Fra imprenditori seri, competenti e appassionati, non metto Marchionne, il quale tra l’altro se Fiat va bene si arricchisce all’ennesima potenza, se va male lo coprono d’oro per la liquidazione.  

Per il presidente Matteo Renzi, l’ad Sergio Marchionne “ha fatto più lui, hanno fatto più certi imprenditori per i lavoratori che certi sindacalisti” e insiste: “La Chrysler era finita. Obama ci ha messo i soldi perché i presidenti di sinistra credono negli investimenti pubblici e Marchionne l’ha rimessa in moto. Per me è di sinistra chi crea lavoro. Non arrivo a dire il compagno Marchionne, ma se vuoi Paesi in cui ci sono fabbriche devi avere imprenditori che ci credono e questo atteggiamento purtroppo in Italia la sinistra l’ha respinto”.

Una simile accozzaglia di retorica e frasi fatte era un po’ che non la leggevo.

Cominciando dall’ultima frase, ricordo al premier che la sinistra in Emilia, la sinistra che lui detesta più di Berlusconi, ha fatto diventare grande una regione e ha saputo fare crescere un sistema di imprese piccole, medie e ora grandi, all’avanguardia in Italia e in Europa. La Ferrari, che Marchionne ha trasferito come sede chissà dove, così come la Fiat, è nata e cresciuta nell’Emilia Rossa e il giorno che ne sposteranno gli stabilimenti, perché Marchionne ha posto le basi per poterlo fare,  la Ferrari non sarà più se stessa.

Per Renzi hanno fatto di più per i lavoratori certi imprenditori di certi sindacalisti; se rileggete la frase capite che è un nonsense. Ci sono certi poliziotti (Uno bianca) che hanno ucciso più persone di certi delinquenti;  ci sono certi onorevoli che hanno rubato più di certi ladri. Cosa vuole dire? Io però non conosco sindacalisti capaci di fare fallire le aziende, mentre conosco diversi imprenditori che con i loro errori e cattive gestioni hanno gettato sul lastrico molte famiglie.

Conosco anch’io imprenditori seri, competenti e appassionati, ma non ci metto Marchionne, il quale tra l’altro se Fiat va bene si arricchisce all’ennesima potenza, se va male lo coprono d’oro per la liquidazione.  Più che un imprenditore mi sembra un-prenditore, cui per mestiere interessa garantire lauti guadagni alla vasta famiglia degli Agnelli e agli azionisti.

C’è però una verità profonda nelle parole di Renzi, quando parla della sinistra come un’entità altra da sè; è sempre più chiaro che lui voglia resuscitare, con il Partito della Nazione, l’antica balena bianca della Dc, per cinquant’anni capace di resistere al potere governando con la tattica e non con progetto strategico di società. Io però, per quanto vada indietro con la memoria, non ricordo una dichiarazione scudocrociata così pacchianamente contro il sindacato; la mancanza di rispetto di Renzi per le associazioni rappresentanti dei lavoratori è pari soltanto alla sua boria, perché uno statista vero critica i singoli comportamenti sbagliati, ma non delegittima forme aggregative della comunità.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Fiera di San Rocco 2022

Dal 12 al 16 agosto: cinque giorni di festa, spettacoli e tanto cibo, ad ingresso gratuito! Ecco in arrivo la ultracentenaria Fiera di san Rocco,

Corso per Clown Dottori

Si parte a ottobre, ma gli incontri di presentazione del corso sono previsti il 6 e il 10 settembre L’associazione Dìmondi Clown organizza, a partire