Commento sulla situazione attuale del Carroccio e Mail contro candidatura Renzo Bossi

Condividi su i tuoi canali:

None

Dopo tanto silenzio e dopo i tanti rospi ingoiati, è giunto il momento di dire la nostra sui terribili scandali che stanno emergendo dalle indagini sulla Lega Nord.

 

Tutto ciò che finora è emerso dalle indagini è a dir poco vergognoso, che sia stata proprio la Lega  quella dei duri e puri, quella che ha come simbolo Alberto Da Giussano, quella che si presentava in Parlamento con il cappio! Quel movimento nato per stravolgere la politica italiana, autore di tutti quei racconti su “”Roma Ladrona””,  quello che si vendeva come unica via di salvezza per il popolo del Nord, dove è finito?!?

Si può dunque dire che la zappa è giunta proprio sul pollicione, il quale a mio avviso era già dolorante da tempo.

Si, dico “già dolorante” perchè i primi segnali di cambiamento arrivarono con la notizia della candidatura di Renzo Bossi per il Consiglio Regionale lombardo. Tema a me molto caro, considerando che mi ha visto protagonista di una pesante lettera (che la potete trovare in allegato) di protesta, spedita a tutti i Deputati e Senatori del Carroccio, inviata in tempi non sospetti!   

Questa lettera fu l’inizio di un lento distaccamento, ed una presa di coscienza di come erano realmente le cose che raggiunse il culmine con l’espulsione e da tutto ciò che ne è seguito.

La cosa più grave che emerge da questa discarica di valori, è l’incredibile ostinatezza con cui si cerca di difendere l’indifendibile!

Bossi l’unico che finora si è fatto da parte (solo parzialmente), ma gran parte della militanza e degli amministratori (anche i nostri si uniscono al coro) invece di prendere fortemente le distanze, preferiscono santificarlo  mostrandolo come un martire che si è emulato per la causa! Veramente assurdo è anche il caso della Vicepresidente del Senato Rosy Mauro, tanto vicina alle nostre segreterie, sulla cui testa pendono gravissime accuse per aver utilizzato soldi (250 mila euro circa) per acquistare diplomi, lauree ed aver ricevuto altri finanziamenti poco chiari al SIN.PA.

Invece di pensare alle dimissioni dal ruolo di Vicepresidente del Senato si invoca al complotto!!! Forse siamo noi ad essere un po troppo pretenziosi….

Viene da piangere se si pensa al caso del Presidente Ungherese, il quale si è dimesso perchè accusato (vent’anni dopo) di aver copiato la tesi di dottorato.

In questi giorni leggiamo che uno dei salvatori della Padania dovrebbe essere Calderoli, comparso anch’esso tra i nomi neri. Quindi giunti a questo drammatico punto, non è un ulteriore presa in giro???

Scuse e assunzione delle responsabilità!!! Questa è l’unica ricetta per cercare di ridare dignità a tutte quelle persone che per anni hanno dato fiducia e si sono spese per gente che si è rivelata interessata solamente a fare cassa!

Il mio non è assolutamente un voler “sputare” nel piatto in cui si è mangiato fino a cinque mesi fa, ma è solamente una presa di coscienza di quella che è la triste realtà. Mai avrei pensato che quel movimento così rigido per cui ho dato per anni veramente il sangue, fosse coinvolto in un caos del genere! Se si vuole cambiare la situazione bisogna assumere forti prese di posizione.

Auspicando un reale cambiamento, concludo dicendo che quelli hanno espulso me e Nicola, oggi sono quelli che difendono a spada tratta il Senatur.

Walter Bianchini

Consigliere Comunale LEGA MODErNA

°°°°°°°°°

 

All’attenzione dei parlamentari Lega Nord per l’indipendenza della Padania

 

Una candidatura inopportuna

 

Illustre Onorevole, mi chiamo Walter Bianchini sono un militante della sezione di Modena, ho 20 anni e sono Coordinatore provinciale MSP,  nonché eletto presso il consiglio di circoscrizione centro storico nel comune di Modena.

Con la presente volevo solo far notare il mio e disappunto per la forzata candidatura di Renzo in consiglio regionale Lombardia, presso il collegio della provincia di Brescia.

Questo avvenimento mi ha colpito perché proviene da un partito che si è sempre battuto contro “parentopoli” ed ogni tipo di favoritismo, scendendo in campo per rivoluzionare  questo sporco mondo della politica Italiana. Tutto ciò non è mirato a contestare e negare le capacita di Renzo; semplicemente sottolineo che questa carica necessita di un bagaglio culturale e di esperienze che un ragazzo di 21 anni senza nemmeno alcuna esperienza istituzionale minore alle spalle (quali consigliere comunale o provinciale) non può possedere.

Io e molti altri giovani  della zona, ci siamo avvicinati alla politica proprio cavalcando l’onda della Lega Nord la quale si faceva promotrice di un cambiamento possibile, andando verso ad una maggior trasparenza della politica e contro “ROMA LADRONA”….ed ora cosa ci tocca sentire??? Il figlio di Bossi Candidato presso uno dei consigli regionali più importanti d’Italia??? Spero vivamente che tale candidatura venga rivista! Per il bene delle Lega.

 

Concludo dicendo, FINO ALL’ INDIPENDENZA, PADANIA LIBERA!!!

Bianchini  Walter

Modena 14/02/2010

[ratings]

Ultimi articoli

I nostri social

Articoli popolari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Car* amic*,

ogni anno a Natale il Presidio vi dà la possibilità di fare un regalo che contiene il frutto del riscatto e della speranza: le nostre