Come viene controllata l’acqua che beviamo?

Condividi su i tuoi canali:

None

Come viene controllata l’acqua di Modena? Come se ne misura la qualità? A questi ed altri interrogativi risponderanno gli esperti che parteciperanno al seminario “L’acqua che beviamo” che si svolgerà giovedì 12 gennaio,dalle 16 alle 19 nell’ aula magna dell’istituto Enrico Fermi in via Luosi, 23 a Modena.

 

 L’incontro sarà coordinato da Simona Arletti, assessore all’Ambiente del Comune di Modena. Parteciperanno alla discussione: Paola Borella, professore Ordinario di Igiene dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia; Anna Maria Manzieri Arpa Modena; Roberto Menozzi e Francesca Romani, Gestione Impianti Ciclo Idrico Hera Sot Modena; Armando Franceschelli, Servizio igiene degli alimenti e nutrizione, dipartimento di Sanità pubblica, Azienda USL Modena. “Negli ultimi due mesi abbiamo organizzato un percorso partecipativo in cui abbiamo coinvolto direttamente scuole, associazioni e cittadini  per l’organizzazione dell’ormai tradizionale Festa dell’Acqua al Parco Ferrari, commenta Simona Arletti. Nel corso di questi incontri è emersa la necessità di rispondere in maniera puntuale alle domande sulla qualità dell’acqua che esce dai rubinetti nostra città. Nel corso del convegno, prosegue Arletti, gli insegnanti e i ragazzi delle scuole cittadine potranno porre tutte le domande ed i quesiti agli esperti presenti. Ci sembra il modo più efficace e utile di affrontare il tema della tutela della risorsa idrica e delle azioni messe in atto dal comune per garantire a tutti il primo elemento naturale per la salute dei cittadini, l’accesso all’acqua potabile”.

 

L’incontro è organizzato dall’Ufficio Agenda 21 dell’Assessorato all’Ambiente del Comune di Modena.

Informazioni e conferma di partecipazione: 0592034338/2390 – solis@comune.modena.it

Cs

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per