COLONNA DELLA LIBERTÀ – A MIRANDOLA LA TAPPA FINALE CON INGRESSO IN PIAZZA COSTITUENTE

Condividi su i tuoi canali:

L’Assessore Gandolfi: “Ricordare chi si è sacrificato per la libertà, superando le divisioni

Un ricco programma di iniziative, programmate nella mattinata di Martedì 25 Aprile, per celebrare l’anniversario della “Liberazione” nella Città dei Pico.

Alle ore 10 il Primo cittadino Alberto Greco deporrà una corona d’alloro presso il monumento ai caduti del Cimitero monumentale; a seguire, le celebrazioni si sposteranno in Piazza Costituente con il Sindaco, accompagnato dalle massime autorità cittadine e dai rappresentati delle Forze Armate invitate a partecipare, sul palco per il discorso istituzionale del Sindaco. Infine, al culmine delle celebrazioni, è previsto per le ore 11 l’arrivo de La Colonna della Libertà: una schiera, formata da oltre 120 veicoli storici militari risalenti alla seconda guerra mondiale e 350 figuranti, che sfileranno ripercorrendo il percorso che li vide impegnati durante la Campagna d’Italia. Un evento reso possibile grazie alla preziosa collaborazione con il Museo Gotica Toscana di Scarperia, con il Museo della Seconda Guerra Mondiale del fiume Po di Felonica e di History Military Vehicles Italia.

Fabrizio Gandolfi (Assessore alla Promozione del Territorio):L’arrivo de La Colonna della Libertà anticipa il ciclo di iniziative che vedrà il cuore della Città protagonista assoluto con vari eventi a cavallo fra i mesi di aprile e maggio. Una straordinaria occasione per unire la comunità in Piazza Costituente, a conferma di come il nostro territorio si presti al meglio ad ospitare eventi e manifestazioni. Siamo pronti, a più di venti giorni di distanza dalle celebrazioni del 25 Aprile, ad onorare al meglio una giornata importante per la storia del nostro Paese. Ci piace pensare di aver saputo cogliere l’essenza di una ricorrenza dedicata al ricordo di chi pose la propria vita a rischio per la Libertà e la democrazia, superando le sterili polemiche e le divisioni di barricata. Mirandola attende La Colonna, con l’intento di consentire, anche alle generazioni più giovani, di vedere da vicino e toccare con mano, i mezzi e le uniformi che caratterizzarono uno dei momenti storici più signifcativi del nostro Paese”.

Gugliemo Golinelli (Consigliere Comunale e promotore delle iniziative): “Abbiamo lavorato senza sosta per poter inserire Mirandola nelle tappe del percorso de La Colonna della Libertà. Ringraziamo il Presidente Guidorzi e l’Amministrazione Comunale per aver agevolato al massimo tale risultato: si tratta di un’occasione unica per ricordare quelle giornate, attraverso i mezzi e i reparti che si distinsero sul campo di battaglia. Il prossimo 17 Aprile ricorderemo “l’Operazione Herring”: una conferenza, aperta alla cittadinanza, organizzata presso la Sala Consiliare. Si trattò di un’operazione eroica, realizzata nel triangolo disegnato fra i territori di Ferrara, Mirandola e Ostiglia che coinvolse 226 paracadutisti italiani in azioni di sabotaggio. Protagoniste furono le truppe di fanteria del reggimento “Nembo” e dello “Squadrone F”, al costo di numerose vittime, alcune delle quali sepolte nel cimitero militare di San Martino Carano. Ad essa faranno seguito le tre tappe previste per la giornata di Martedì 25 Aprile, le cui celebrazioni culmineranno con l’ingresso in Città della suggestiva colonna di veicoli impegnati nella campagna di liberazione del nostro territorio”.

Simone Guidorzi (Direttore del Museo della Seconda Guerra Mondiale del Fiume Po):La Colonna della Libertà nasce nel 2008 dall’esigenza di mantenere viva la Memoria Storica – attraverso le celebrazioni nel giorno della Liberazione – che con il passare degli anni rischia di affievolirsi, a causa della progressiva scomparsa delle persone che furono protagoniste di quelle vicende storiche. La Colonna della Libertà si basa sul concetto di “uscire” dai musei, in occasione del 25 Aprile, per sensibilizzare il numero maggiore possibile di cittadini in un modo scenografico: provando ad avvicinare con maggiore incisività alle tematiche della Liberazione, nel ricordo di coloro che sacrificarono la loro vita per porre fine al conflitto. In passato – prosegue Guidorzi – la manifestazione è stata insignita dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e in moltissime occasioni e sedi (ad esempio Firenze nel 2020, Ferrara nel 2017, Padova 2016, Bologna e Cavriago 2015 ecc..) le ANPI di zona hanno fattivamente collaborato per riuscita della giornata riscuotendo un grande successo. Sfileranno centinaia di mezzi e figuranti protagonisti della seconda guerra mondiale, senza simboli e uniformi politiche che mai sono state ammesse, come da regolamento”.

        Per informazioni:

Ufficio Stampa Comune di Mirandola

Enrico Bonzanini – 3475557089 Tel. 0535 29519; ufficio.stampa@comune.mirandola.mo.it

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.