Cispadana, assurdo investire 1,3 miliardi in una nuova autostrada quando la rete stradale italiana sta collassando

Condividi su i tuoi canali:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su whatsapp
None

 

Apprendiamo che la Giunta regionale nell’ennesimo tentativo di convincere i 5 Stelle ad una alleanza elettorale, si è inventata una analisi costi-benefici sulla Cispadana. La notizia ha elementi caricaturali considerando che questa opera è stata annunciata da anni e che proprio la Regione del presidente Stefano Bonaccini ne ha sostenuto la necessità e ne ha sempre chiesto con forza la realizzazione. Ma gli aspetti grotteschi rappresentati da questa svolta, platealmente ed unicamente finalizzata ad accordi politici del tutto miopi e con una prospettiva legata al 26 gennaio, passano in secondo piano rispetto ad una valutazione complessiva sulle Grandi opere nel nostro Paese. In un Paese dove crollano i ponti, dove le tangenziali, ridotte a pericolosi colabrodo, sono tempestate da buche e le strade di montagna, anche a Modena, sono simili a mulattiere, si immagina di investire 1,3 miliardi in una nuova autostrada a pedaggio.

Personalmente ho sempre sostenuto la necessità di creare un asse di collegamento tra Reggiolo e Ferrara, ma il progetto autostradale non rappresenta di certo la soluzione più adatta. La bassa modenese e il ferrarese hanno bisogno di una strada a scorrimento veloce connessa con i poli industriali. Detto questo è necessario ripensare complessivamente alle politiche infrastrutturali nel nostro Paese. Continuare a immaginare il futuro con lo sguardo legato alle scadenze elettorali del dopodomani rischia di portarci al baratro.

Il project financing non è la soluzione a tutti i mali, come hanno ampiamente dimostrato i problemi di realizzazione della Brebemi, l’autostrada che collega Brescia, Bergamo e Milano, dove il pubblico è dovuto intervenire con ingenti investimenti là dove gli investitori privati hanno fallito. Ecco, questi investimenti pubblici da parte di un governo nazionale e regionale serio vanno dirottati dalle grandi e faraoniche opere, alla manutenzione quotidiana della rete stradale e autostradale. I disastri possono sempre capitare, ma gli allarmi vanno ascoltati e la prevenzione, anche stando alle evidenze della inchiesta sul ponte Morandi, è possibile. Ovviamente se la si vuole perseguire e se si ha davvero a cuore la sicurezza e la vita stessa degli italiani. Infine se si vuole, non solo a parole, ridurre la quantità di merce movimentata su gomma (ancora oggi ben oltre l’80%), è necessario strutturare modalità alternative con infrastrutture adeguate. Appoggiare le giuste proteste di piazza sui temi ambientali che chiedono politiche radicali anche in tema di trasporti onestamente mal si concilia con un investimento da 1,3 miliardi in una autostrada.

Cinzia Franchini 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Cristo si è fermato a Eboli

ROSI ABOUT EBOLIPer la sua XIX edizione, il festival LA VALIGIA DELL’ATTORE presenta un breve documentario inedito su Rosi e Volonté durante la lavorazione di

Visit Castelvetro!

Il nostro territorio, la vostra scoperta! Visita il Castello di Levizzano Rangone in Notturna!Venerdì 8 Luglioore 21.00Castello di Levizzano Rangone Hai mai visto un Castello di notte?