Ciclabili- percorsi natura Panaro, Secchia e Tiepido partono manutenzioni e sfalci, costo 100 mila euro

Condividi su i tuoi canali:

None

 

 

Oltre 100 mila euro sono messi a disposizione da Provincia e Comuni per le manutenzioni annuali dei Percorsi Natura del Secchia, del Panaro e del Tiepido. I percorsi, molto frequentati, soprattutto nei fine settimana,  da ciclisti e podisti,  si snodano lungo gli argini dei tre corsi d’acqua principali del territorio modenese.

I lavori partiranno nei prossimi giorni e riguarderanno lo sfalcio della vegetazione sull’argine e le potature, per evitare situazioni di rischio per gli utenti, oltre alla manutenzione del fondo in diversi tratti.

I lavori sul Panaro e sul Tiepido saranno eseguiti dalla Provincia sulla base di un accordo triennale con i Comuni, mentre quelli sul Secchia saranno assicurati dall’Ente Parchi Emilia centrale, sempre in accordo e con risorse della Provincia che ha realizzato negli anni scorsi i percorsi; complessivamente per i tre percorsi la Provincia mette a disposizione 28 mila euro.  Gli accordi tra enti sono stati approvati all’unanimità dal Consiglio provinciale venerdì 6 aprile.

Per gli interventi lungo il Percorso del Panaro sono disponibili oltre 34 mila euro, con il contributo dei Comuni di Modena, Castelfranco Emilia, Spilamberto, Vignola, Marano sul Panaro e San Cesario sul Panaro; per il Percorso del Tiepido le risorse ammontano 26 mila euro con risorse dei Comuni di Modena, Castelnuovo Rangone, Formigine e Maranello; per il Percorso del Secchia le risorse arrivano a 41.600 euro con il contributo dei Comuni attraversati: Modena, Soliera, Carpi, Novi, Sassuolo, Formigine e Prignano.

La manutenzione straordinaria resta a carico della Provincia; gli accordi stabiliscono anche che per la vigilanza saranno coinvolte le Guardie ecologiche volontarie.

Il Percorso del Secchia si snoda per 70 chilometri da Modena al confine mantovano e da Modena a Prignano; quello del Panaro è lungo 35 chilometri da Modena a Casona di Marano mentre quello del Tiepido parte da S.Damaso di Modena per arrivare dopo oltre 15 chilometri a Torre Maina di Maranello.

Per scoprire le caratteristiche naturali e tecniche di questi percorsi è disponibile on line gratuitamente, nel sito della Provincia, la guida “”Pedalate amiche””
 

 

 

ciclabili\2 – la guida on line “”pedalate amiche””

sui 15  itinerari turistici in bici nel modenese

 

I Percorsi natura del Secchia, Panaro e tiepido fanno parte di una rete di itinerari ciclabili che attraversa il territori modenese.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito della Provincia di Modena (www.provincia.modena.it) dove è possibile consultare e scaricare gratuitamente la guida “”Pedalate amiche””.

E’ disponibile anche una versione cartacea che può essere richiesta gratuitamente all’Urp della Provincia in viale Martiri della Libertà 34 a Modena.

Il progetto è stato realizzato dalla Provincia con il sostegno della Fondazione Cassa di risparmio di Modena.

Oltre ai Percorsi natura, nella guida sono descritte le caratteristiche della pista ciclabile Modena-Vignola e di diversi itinerari come quello sul Romanico da Modena a Nonatola, da Modena a Castelnuovo Rangone alla scoperta delle colline modenesi, nelle Valli mirandolesi, fino alle ciclovie del Parco dei Sassi di Roccamalatina e da Modena a Mantova, tra castelli, parchi e natura anche lungo strade secondarie e sentieri ciclabili da percorrere in tutta tranquillità.

Per ogni itinerario, 15 in tutto, sono indicati le caratteristiche principali con la cartografia, i tempi di percorrenza, livello di difficoltà, luoghi di maggiore interesse, oltre alla scheda di viaggio con la traccia gps scaricabile per smartphone.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Ad onta dell’art. 21

“Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”  Diciamo quasi  tutti…dato che  una

La corona di Maria Beatrice d’Este

Nel corso di una solenne cerimonia, la presentazione all’all’ambasciatore di Polonia della corona di Mary of Modena, moglie di re Giacomo II, ultima regina cattolica