Ciack … si gira!

Condividi su i tuoi canali:

La situazione nazionale necessita di persone serie, di indicazioni fattibili e di provvedimenti altrettanto seriamente e onestamente proposti. “art. di La Zemiana

Inizia lo spettacolo

 

Bene, con la visita di sabato sera di Grillo si può tranquillamente dire che è iniziato,  pure a Modena, lo spettacolo politico.

Nulla da dire sul discorso di Grillo che ho letto sui giornali e che non mi interessa come non mi interessano tutti gli altri candidati, se non a grandi linee visto il poco che dicono. Per par condicio quindi, fosse stato l’evento mediatico del week end di un altro sarebbe stato ugualmente trattato dalla scrivente.

Probabilmente vi sarà chi leggendo queste prime righe avrà da dire e da pensare che “sono le solite cose trite e ritrite”. Liberissimo di farlo, se non che così contenendosi si mette non sullo stesso piano di questi, ma ancora più in basso perché a criticare senza proporre già ci sono “loro”.

Peccato che di seguito e di codazzo questi “politici” sono pieni. Questo è un dato da non sottovalutare.

Non vi è un programma seriamente attuabile e la situazione nazionale invece abbisognerebbe con urgenza di persone probe e serie che diano indicazioni fattibili di provvedimenti altrettanto seriamente e onestamente proposti.

Età pensionabile, lavoro per i giovani, incentivi veri alle imprese (nuove e non), welfare, sanità, tagli veri agli sprechi, eliminazione della casta e non eleggibilità di politici con provvedimenti anche se non definitivi, giustizia, applicazione delle leggi, ecc.ecc.

Di tutto questo ad oggi non ho visto un punto sviscerato seriamente.

Se fino a ieri Bersani era il capocomico, ops scusate, capo politico che aveva come motivo dominante della sua immagine e della sua politica il “si deve dimettere”, oggi tutti hanno adottato, scendendo verso il basso che più basso non si può, il “lui non è credibile” oppure “E’ colpa loro”.

No signori non funziona così, almeno in Paesi con una cultura politica alta i candidati non si attaccano a queste molecole di litigio, ma propongono programmi spiegando come attuarli nei minimi particolari. Il tutto cercando di fare il bene del proprio Paese.

Leggendo nei giorni scorsi alcuni commenti sull’idea di candidare delle massaie come rappresentanti di un movimento ho avuto un moto di riso.

Pur con tutta la buona volontà della casalinga che sa mandare avanti una famiglia (e oggi non è poco) con quale criterio si può sbattere in prima linea una persona che quasi sicuramente è stata onesta intellettualmente fino a quel momento e non ha basi di politica d’alto livello? Ve la immaginate la signora della porta accanto doversi confrontare con politici nazionali o esteri su temi come economia nazionale ed internazionale? Con quali basi e quali argomenti può sostenere un’argomentazione?

Detto questo vi renderete conto che tutti i protagonisti sono attori navigatissimi (si con il superlativo assoluto) che meriterebbero l’Oscar per la migliore interpretazione sul palcoscenico della vita.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Gettare il sasso e nascondere la mano…

È un copione assai noto: c’è chi lancia pubblicamente un metaforico sasso, offendendo, insinuando, accusando… in modo voluto e inequivocabile, qualcuno e poi, vigliaccamente, nega

Appunti sulle Amministrative

ASTENSIONISMO All’appello dei votanti manca la metà degli aventi diritto… e stiamo parlando di votare per la propria città, non solo per la lontana Europa.