Chi è Rosanna Ansaloni

Condividi su i tuoi canali:

Le sue collezioni di biancheria intima sono le piu’vendute in tutto il mondo. L’America l’ha incoronata la regina “dell’abito da notte”, la Francia ce la invidia e la premia come la piu’ innovativa designer di lingerie mondiale.

Cina e Russia ne osannano il talento e il gusto raffinato.

Rosanna  Ansaloni e’la stilista modenese capace di creare veri e propri gioielli della seduzione che fanno parte del guardaroba di principesse e donne dello spettacolo. un creativa al passo con i tempi che per prima ha creato un “copriseno-scultura” per le donne con il seno rifatto.

 

Come sono stati i suoi inizi? Ricorda il suo primo disegno?

 

Certo lo ricordo perfettamente anche se è passato tanto tempo.

Ho sempre cullato dentro di me il desiderio di vestire le donne del mondo con abiti eleganti e sensuali anche per la notte. Abiti ispirati ai trend della moda con il comfort e la funzionalità tipica della lingerie e dei capi pensati per il sonno. Per questa ragione il mio primo modello è stato un pigiama di seta a doppio petto. Su questa idea di eleganza anche dentro le mura della camera da letto ho costruito tutte le mie successive collezioni distinguendomi da altri designers per i materiali pregiati che utilizzavo e per i modelli innovativi.

 

A chi si ispirava nel disegnare le sue collezioni? C’era un personaggio in particolare che solleticava il suo estro creativo?

 

Venti anni fa i modelli di riferimento erano soprattutto donne di spettacolo  o personaggi del jet set. Per me è stata una grande soddisfazione sapere che Carolina di Monaco voleva acquistare capi disegnati da me. Non può immaginare il mio stupore  quando Lady Diana, la Principessa del Galles ha comprato una mia intera collezione. Come lei anche Rania di Giradania qualche anno più tardi mi ha chiesto di creare un guardaroba favoloso di piagiami e abiti per la notte. Tra i personaggi del mondo dello spettacolo ricordo con piacere Nicole Kidman. A New York ha acquistato numerosi  pezzi di biancheria intima della mia collezione in una delle boutique più famose della città. Tutte queste donne e molte altre che ho conosciuto nel corso degli anni hanno ispirato il mio lavoro per la loro raffinatezza e straordinaria semplicità.

 

L’intimo non è certo un settore semplice da interpretare ad ogni nuova stagione? Come riesce a creare cose nuove senza rinunciare al design e alla funzionalità del prodotto?

 

E’ risaputo che le donne sono molto esigenti nella scelta della lingerie. Non è facile accontentarle. Il segreto è non perdere il contatto con la moda e le sue funanboliche acrobazie. Perché il modo di concepire un reggiseno o una camicia da notte cambia in funzione delle mode e dei trends. La mia prima ispirazione nasce dall’abbigliamento. Io creo ciò che sta sotto ai vestiti ma che deve stupire e piacere più dei vestiti stessi.Le linee, i colori, le forme dettati dalla moda del momento diventano una sorta di tavolozza dei colori, un campo prova su cui sperimentare la costruzione di opere uniche che possano piacere alle donne e agli uomini al tempo stesso.

 

Senza falsa modestia possiamo dire che per prima Rosanna Ansloni ha sviluppato, in modo estremamente creativo, il concetto “dell’intimo che si vede”. Come è riuscita a tradurre un capo che la tradizione ha da sempre voluto nascosto in un prodotto raffinato e scevro da ogni volgarità?

 

Utilizzando solo materiali nobili come sete orientali, pizzi chantilly, chachemire e quanto di più pregiato offre il mercato. La qualità della materia prima è la regola fondamentale per ottenere un capo elegante. La fantasia e la capacità di seguire i propri sogni fanno il resto.

 

Che cosa è per lei il buon gusto?

 

Qualcosa che appena lo vedi ti colpisce per la sua bellezza e la sua armonia.

 Nel mio lavoro questo nasce dall’abbinamento dei materiali e dei tessuti con il design dei modelli. Un insieme di elementi che orchestrano una sinfonia sensuale ed elgante. E’ vero che la moda consente mille licenze rispetto al passato però, non bisogna dimenticare che il prodotto deve avere armonia altrimenti non si può dire che sia bello.

 

 Oggi il numero delle donne che ricorrono alla chirurgia estetica è notevolmente aumentato rispetto al passato. Questo ha condizionato il suo lavoro?

 

E’ vero. Oggi avere un seno perfetto non è più un miraggio bensì qualcosa di facilmente realizzabile. Perciò non mi sono fatta cogliere impreparata. Lavorando spesso all’estero ho notato che molte donne ricorrono alla correzione chirurgica del proprio seno per aumentarne il volume. Il risultato è un seno perfetto che non ha bisogno di alcun sostegno grazie alle protesi ma, ha solo bisogno di essere coperto. Ho creato una sorta di reggiseno-scultura in grado di valorizzare la forma del seno senza utilizzare altri sostegni come ferretti o doppie cuciture. E’ un copriseno studiato per rispondere alle nuove esigenze del corpo senza rinunciare al glamour di un capo alla moda che può fare capolino da sotto i vestiti per la bellezza delle sue rifiniture.

 

Rosanna Ansaloni firma anche collezioni importanti per altri gruppi leader del settore che producono biancheria intima. Per un gruppo in particolare lei disegna una collezione per uomo molto esclusiva. Non è vero?

 

Mi è stato richiesto da uno dei miei più accreditati clienti russi di creare una collezione uomo pensata esclusivamente per questo mercato in cui solo i luxory brands hanno un fortissimo successo. Un prodotto altamente qualificato per un consumatore esigente e raffinato pronto a spendere cifre da capogiro pur di avere un capo fuori dall’ordinario. E’ stata una esperienza entusiasmante ripagata da un successo al di sopra delle aspettative. Per il noto gruppo asutrico Palmers, invece, disegno una collezione da donna utilizzando solo materiali pregiatissimi per capi di alta classe. 

 

Rosanna Ansaloni all’estero è una vera e propria celebrità! I capi che lei disegna sono gli unici ammessi da Victoria’s secret, il tempio dell’intimo americano dove non sono presenti altre griffe italiane. In Francia, patria della lingerie, lei ha ricevuto premi di altissima caratura nel campo del design. In Cina, Russia e Australia l’intimo firmato Rosanna Ansaloni è l’emblema assoluto del lusso. Per quale ragione è più famosa all’estero rispetto a Modena dove vive e lavora?

 

Bhè… è una legge di natura. I latini dicevano “nemo profeta in patria” e a quanto pare io non sono immune da questa regola. Le persone creative che vivono al di fuori degli schemi, capaci di creare prodotti che esprimono, per la loro qualità, il concetto di made in Italy in tutto il mondo non vengono comprese subito nel luogo di origine. Il successo non ha mai radici nella terra dove si opera e si crea, nasce prima all’estero. In fondo è stato così anche per un incredibile artista come Luciano Pavarotti. Quando il mondo ha iniziato ad invidiarcelo i modenesi hanno iniziato a considerarlo un concittadino illustre. E’ una forma di gavetta anche questa. I grandi condottieri romani venivano portati in trionfo dentro le mura di Roma solo dopo aver vinto, con le loro legioni, importanti campagne di conquista in terre straniere. E’ una regola che coinvolge tutte le persone coraggiose e creative. L’importante è non farsi condizionare e continuare a lavorare come se fosse il primo giorno utilizzando il successo all’estero come fonte di energia per migliorare il prodotto collezione dopo collezione.

 

Una donna cosa non può non indossare per sedurre un uomo?   

Io credo che ogni donna dovrebbe interrogare il proprio uomo per capire cosa le vorrebbe vedere addosso e fare esattamente ciò che lui chiede. La fantasia dell’uomo è molto diversa da quella femminile perciò è bene che una donna faccia sempre il contrario di quello che pensa nella scelta della lingerie. L’uomo ama la provocazione unita alla raffinatezza questo significa indossare un reggicalze, una guepiere o un bustino sexy. Se una donna ascolta bene i desideri del proprio partner in fatto di biancheria intima avrà una soddisfazione immensa. Parola di Rosanna Ansaloni.

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Alla zappa! Tutti, senza distinzioni.

Nel recente passato e tutt’ora, anche se in misura minore, c’era l’abitudine di invitare alla zappa le persone negligenti, gli scansafatiche, gli incapaci … chi

Terzo mandato

La possibilità di un terzo mandato per i presidenti di regione è stato respinto in Commissione affari costituzionali del Senato; tutti contrari, maggioranza e minoranze

Mostra su Toulouse-Lautrec

Giovedì 22 febbraio 2024 inaugurata a Palazzo Roverella di Rovigo la grande Mostra su Toulouse-Lautrec (1864-1901) più di 200 opere per raccontare il sublime artista