Che fine ha fatto la Bretella?

Condividi su i tuoi canali:

None

Non c’è ancora il via libera della Corte dei Conti

L’on. Ivano Miglioli interroga il ministro Matteoli

 

Che fine ha fatto la Bretella? E’ già passato un anno da quando il Cipe ha dato il via allo stanziamento di 234 milioni e 600 mila euro per la realizzazione dell’opera. Ma sull’effettiva disponibilità di quella somma la Corte dei Conti non si è ancora pronunciata. ”C’è grande preoccupazione tra le istituzioni modenesi – dice l’on. Ivano Miglioli del Pd – che da anni aspettano la realizzazione di questa importantissima infrastruttura. Dopo l’ok del Cipe c’è stato anche il via libera dell’Anas al bando di gara per la progettazione, realizzazione e gestione dell’opera ma ancora non sappiamo se i soldi ci sono o no”.

Il parlamentare modenese ha presentato un’interrogazione al ministro delle Infrastrutture Matteoli per sapere se è a conoscenza dei ritardi e, soprattutto, cosa intende fare il governo per superare l’impasse. Miglioli ricorda che il collegamento Campogalliano-Sassuolo fa parte dell’intesa sottoscritta dal Governo e dalla Regione Emilia-Romagna sin dal 2003. Il progetto definitivo, compreso la procedura di VIA, è stato approvato da ANAS nel 2005. Nel marzo 2008 il CIPE ha deliberato l’approvazione dell’opera e un anno dopo la conferenza dei servizi ha trasmesso ai Ministeri il proprio parere favorevole.

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Chi sporca, paga

O, almeno, così dovrebbe essere. Il sacro diritto al dissenso e alla protesta, che nessuno si sogna di negare, non deve sconfinare oltre i limiti.

Prepararsi a diventare vecchi

Un sacerdote, in un’omelia rivolta a un gruppo di settantenni, ha invitato a ‘prepararsi a diventare vecchi’ e la prima reazione: intanto vecchio bisogna riuscire

“Tutta un’altra aria”

È questo il titolo del convegno nel quale, i ricercatori di CNR-ISAC, ART-ER, PRO AMBIENTE e del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di ingegneria sanitaria