CGIL RISPONDE CON IL PRESIDIO DEMOCRATICO, ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA VENERDI’ 3 MAGGIO

Condividi su i tuoi canali:

None

COMIZIO SALVINI A MODENA, LA CGIL RISPONDE  CON IL PRESIDIO DEMOCRATICO, ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA VENERDI’ 3 MAGGIO 

 

comunicato stampa 2/5/2019 

COMIZIO SALVINI A MODENA, LA CGIL RISPONDE  CON IL PRESIDIO DEMOCRATICO, ANTIFASCISTA E ANTIRAZZISTA VENERDI’ 3 MAGGIO

La Cgil di Modena promuove per domani pomeriggio venerdì 3 maggio un “presidio democratico, antifascista e antirazzista” in piazza Mazzini dalle ore 14 alle 16
L’iniziativa del sindacato è una risposta al comizio che il segretario della Lega Matteo Salvini terrà lo stesso pomeriggio in città. 
Aderiscono al presidio anche altre associazioni Anpi, Arci, Unione degli Universitari-Udu, Rete degli Studenti Medi, Rete degli Universitari, Arcigay Modena Matthew Shepard,
Tam Tam di Pace Modena. Sono invitati ad aderire al presidio tutti i cittadini e le associazioni che si riconoscono nei valori della manifestazione. Tutti i partecipanti sono invitati ad indossare un capo di abbigliamento rosso

La Cgil vuole manifestare il proprio dissenso politico contro le politiche discriminatorie e razziste del ministro dell’Interno sulla gestione dell’immigrazione e sull’attacco alle politiche di accoglienza e integrazione che hanno fatto di Modena un modello virtuoso a livello nazionale. 
Il Decreto Sicurezza cancella il sistema di integrazione dei migranti a cominciare dai tagli previsti per i bandi della gestione dell’accoglienza che anche a Modena ha reso recentemente impossibile l’affidamento della gestione stessa. 

La contrarietà della Cgil è anche su politiche che Salvini incarna come la cosiddetta flat-tax, che se estesa e ampliata come vorrebbe il leader della Lega, sarebbe una misura fortemente ingiusta socialmente perché non terrebbe conto del principio costituzionale della progressività delle imposte. Inoltre, potrebbe a mettere a repentaglio la tenuta del sistema di welfare universalistico del nostro Paese. 

Inoltre, la Cgil rileva con preoccupazione che sono sempre più forti e frequenti i segnali di una nuova diffusione di sentimenti, comportamenti e manifestazioni di stampo fascista e razzista nel Paese e anche a Modena, da cui il ministro dell’Interno non si dissocia mai apertamente, e non reprime adeguatamente come invece previsto dalle leggi. 
Anzi gli slogan della Lega contro gli immigrati e volti sempre ad individuare nemici del popolo italiano, rischiano di legittimare culturalmente e politicamente questi gruppi di stampo fascista. 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

“Lei non sa chi  sono io”

Quando   qualcuno ritiene che gli siano  dovuti privilegi o cure speciali, impunità compresa, ricorre all’espressione  che ho scelto come titolo e che  può essere declinata

C’era una volta il medico di famiglia

Le decisioni del Governo per accorciare le liste d’attesa, se incideranno relativamente sulla loro lunghezza, sono almeno un segnale d’attenzione alla crisi della sanità italiana. Le opposizioni gridano

La Corsa più bella del mondo 

La Corsa più bella del mondo torna dall’11 al 15 giugno con una cavalcata di 2200 chilometri che le magnifiche vetture costruite fra il 1927 e il 1957 percorreranno in cinque tappe, come da format inaugurato lo