C’è qualcosa che non torna!

Condividi su i tuoi canali:

Meglio votare subito ad aprile o è meglio a Luglio o settembre con nuova legge elettorale ? Tempo sprecato: Nulla cambierà se non cambieremo noi popolo di elettori.

Il governo Prodi è caduto. Ma il peggior governo della nostra storia repubblicana, il governo più inviso agli italiani , come ultimamente veniva definito e raffigurato, chi lo ha fatto finalmente  cadere? Forse l’opposizione che ora si ripropone come la naturale alternativa? No! Forse i milioni di cittadini  che a suo tempo e a più riprese scesero a Roma richiamati da Berlusconi o Fini per dare una spallata all’odiato governo? No! Coloro che hanno richiesto un referendum popolare per rifare la legge elettorale ( ma ora qualche promotore di allora ha già cambiato idea)? No! Forse la messa in campo di un nuovo partito inventato e promesso una domenica pomeriggio in piazza San Babila (a proposito che fine ha fatto?); oppure la minaccia di una rivoluzione del popolo del Nord come promette da sempre Umberto Bossi ( ancora?)? No e poi no! Forse i Cardinali e i cattolici che si sono mobilitati dopo il pessimo rifiuto riservato al Papa dalla “Sapienza “ di Roma? No! Nemmeno è stato Beppe Grillo e nemmeno i centinaia di migliaia di comitati spontanei “per il NO” o per il “CONTRO”; nemmeno i rifiuti della Campania…

Ma allora chi è stato?

E’ bastato che un Magistrato , una settimana prima di andare in pensione, facesse arrestare la signora Mastella…e un’onda d’urto conseguente convinceva  poi ben TRE senatori dell’UDEUR a sfilarsi dalla maggioranza. Così si concludeva, ovviamente, nemmeno dopo due anni , una legislatura che aveva avuto l’imprimatur dal popolo italiano.

IL Clemente da Ceppaloni (il deriso, il volgare voltagabbana, l’eroico o turpe politico a volte per il centro destra a volte per il centro sinistra ) è stato in tutti questi anni il vero leader politico che ha condizionato tutta la politica italiana per davvero: il cavallo di razza che quando scende in pista determina a sua scelta chi deve andare a Palazzo Chigi e per quanto tempo…

Attendo che almeno un lettore riesca a smentirmi nel dimostrarmi che a stroncare il Governicchio di Prodi sia stato il Fini, Il Casini; il Bossi ; Storace o Silvio Berlusconi…

E se non sono stati capaci di fare nemmeno questo che riesce a fare con disarmante semplicità il sen. Mastella, ora , sempre costoro , sarebbero in grado di rimettere in moto l’economia italiana o raddrizzare il paese? Farebbero, come d’incanto, diminuire le tariffe, diminuire il prezzo del pane, dei generi di prima necessità…avrebbero ,come dice Tremonti (ancora?) la ricetta idonea per fare bastare i soldi alle famiglie italiane oltre la fine del mese?

IL comune di Catania , come avviene per tutta la regione Sicilia è governato dalla coalizione di centro destra con una maggioranza alla grande , senza ma e senza se! Dal comune di Catania ieri arrivavano due notizie clamorose: la prima che non c’erano più soldi per pagare le bollette dell’Enel; la seconda che il Sindaco aveva ventilato la  possibilità di dimettersi…perché  sarebbe sua intenzione candidarsi come Deputato al prossimo Parlamento ! Forse, essendo dello stesso partito di Tremonti , vorrà portare i segreti della “ricetta economica” di come si governa una città “al buio”!!!!!!!

Non ho parole, ma una grande paura! A questo punto non temo i politici di centro destra o di centro sinistra da cambiare tutti con percentuali altissime, ho invece paura come appartenente e facente parte di questo popolo italiano: un insieme che appare in maggioranza senza decoro, senza orgoglio, senza dignità, senza logica, senza ragionevolezza, senza onestà intellettuale …Questa gente italiota che  preferisce ancora giocare e prendere tutte le scorciatoie possibili pur di non pagare dazio e fare i conti con la realtà nuda e cruda.

Questo italiota che con la pancetta è disposto a farsi coinvolgere dai novelli statisti e si improvvisa rivoluzionario (la rivoluzione non la fanno i proletari affamati?) scendendo a Roma a rievocare “marce” già viste e riviste senza scomodare quella più famosa del secolo scorso fatta con la camicia nera!

Scendiamo pure a Roma a milioni: chi per fare una scampagnata, chi da metalmeccanico che vuole l’aumento, chi per il Gay pride, chi per le beatificazioni in San Pietro, chi per difendere le pensioni, chi per farsi una amatriciana, chi perchè vuole il voto subito!

Scendiamo pure tutti a Roma e marciamo, ma ad una condizione : che poi al ritorno, la smettiamo di prenderci in giro a vicenda col  permettere di farci prendere in giro dagli attuali politici di  destra e di sinistra!

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

La tragedia di Firenze

Il disastroso crollo nel cantiere edile in via dei Martiri, a Firenze,  oltre al problema della sicurezza, drammaticamente ha rivelato cose che purtroppo, pur essendo

Mons. Giacomo Morandi e il suo Non Expedit

Subito dopo l’Unità d’Italia, alcuni sacerdoti prima e poi voci della Chiesa  sempre più ufficiali dichiararono sconveniente e quindi inaccettabile la partecipazione dei cattolici alle