Castello di Sestola, la palazzina e’ stata coperta

Condividi su i tuoi canali:

None

Nonostante il maltempo ricostruiti anche i muri perimetrali con gli spazi per le finestre

 

Sono stati ultimati in questi giorni i lavori per il recupero strutturale della Palazzina Impero del Castello di Sestola, di proprietà dell’Amministrazione comunale di Modena. Nonostante il maltempo i tecnici sono riusciti a completare la copertura della palazzina e a ricostruire i muri perimetrali mantenendo l’apertura delle finestre, come erano in origine. Per completare l’intervento mancano il posizionamento delle tegole sul tetto e le opere di finitura che saranno effettuate nella prossima primavera quanto la temperatura sarà stabilmente di segno positivo L’intervento dell’Amministrazione comunale di Modena ha previsto un investimento complessivo di 240 mila euro. Il Comune di Modena è infatti proprietario di gran parte del complesso di edifici che costituiscono il Castello e che amministra in toto anche per conto dell’Istituto Umberto I con cui è comproprietario. Nei mesi scorsi, con un intervento urgente costato 77 mila euro reso necessario dalle abbondanti precipitazioni dello scorso inverno che avevano causato il crollo di una parte della copertura e di alcuni muri, l’immobile è stato messo in sicurezza e sono state rimosse le lastre di cemento amianto.

Al rifacimento della copertura della Torre dell’orologio il Comune di Modena aveva già provveduto nel 2007 con un intervento per oltre 51 mila euro. Nell’estate del 2009, invece, la messa in sicurezza di una porzione delle mura del Castello è costata alla stessa amministrazione 32 mila euro. Una porzione della fortezza è attualmente in uso al Comune di Sestola che ne ha fatto le sedi di Museo degli strumenti musicali, Museo della civiltà contadina e Lapidario. Anche la Palazzina del Comandante e l’attigua ex Osteria di proprietà dell’Amministrazione modenese sono state concesse in comodato al Comune di Sestola, come pure dal 2008 le ex Scuderie.

 

Cs

 

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

L’arco e le frecce

Un tragico incidente, un’uscita fuori strada autonoma, uno dei tanti drammi che insanguinano le nostre strade. Così, poteva essere reso noto e archiviato, ciò che

Non ti fidar dell’acqua cheta

Sull’Ansa ho trovato il lungo elenco di catastrofi provocate da frane e alluvioni in Italia negli ultimi settant’anni: 101 vittime nel Polesine (1951), 325 persone

Gli ambientalisti nelle pinacoteche

L’ultima moda di certi ambientalisti è utilizzare le pinacoteche ed i musei per protestare. Così in questi giorni cinque attivisti di ‘Ultima generazione’ sono entrati