Castello di Formigine

Condividi su i tuoi canali:

None

Il castello di Formigine attraverso il ponte levatoio.

 

Ho accettato molto volentieri il ruolo di inviata speciale.

Io. Formiginese doc, nei miei primi 23 anni della mia esistenza sono rimasta censita alla anagrafe del Comune che si trovava proprio dentro alcune stanze del castello.

Dunque come potevo rimanere indifferente alla possibilità di una visita a questa importante e a me famigliare struttura completamente restaurata?

La piacevole sorpresa di riscoprire il castello di Formigine con gli abiti della festa in fondo era nella logica delle cose, ma ciò che non potevo immaginare era come sarebbe stata riproposta quella parte del Castello che era rimasta inagibile e preclusa alla vista dei visitatori per tanti anni.

Con questo spirito ho dunque varcato l’ingresso attraverso il ponte levatoio.

La stessa curiosità in modo speculare si avvertiva anche nel Sindaco Franco Richeldi, ovviamente soddisfatto e compiaciuto dei risultato ottenuto mediante quell’importante opera di recupero, (e che comunque mi sento in dovere di ringraziare per tutto questo impegno profuso) quando lo si vedeva fortemente interessato ad interpretare le nostre prime reazioni e commenti di fronte alla novità che passo dopo passo, stanza dopo stanza si andavamo scoprendo

 

In effetti nella parte destinata a museo si è accolti da qualcosa di straordinariamente innovativo.

Possiamo anticiparvi che trattasi di una sorta “di un museo che respira”

Effettivamente sono stata accompagnata nella parte “museo” completamente priva di arredi, ma dove l’elemento storico viene accostato alle forme più avanzate di tecnologia con dispositivi multimediali e interattivi

Ho così potuto ammirare  un allestimento per me del tutto nuovo ma molto coinvolgente ed emozionante.

Spiegava Leonardo Sangiorgi di Studio Azzurro, ossia uno fra i più importanti centri di ricerca artistica a livello internazionale Abbiamo battezzato questi musei musei che respirano, perché la componente esperienziale ed emozionale che il pubblico vi trova è molto alta e la capacità di questo tipo di realizzazione di modificarsi, di aggiornarsi e mutare con la presenza del visitatore è davvero forte!

Dopo la visita non ho potuto fare altro che confermare.

I miei complimenti

Consiglio tutti di andare a visitare questa bella nuova opportunità formiginese: il ponte levatoio è ora abbassato per accogliere ognuno di noi!

Gian Carla Moscattini

[ratings]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

In evidenza

Potrebbe interessarti anche...

Il ragazzo del treno

I fatti, abbondantemente diffusi da ogni  notiziario, sono  assai  scarni nel loro  orrore. Nella stazione di Seregno, mercoledì 25 gennaio, scoppia  un diverbio, pare per